Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Riforme, bocciata la richiesta M5s-Sel per uno stop dei lavori

riforme 02 luglio 2014

ROMA (Public Policy) - Il M5s, Sel e gruppo Misto hanno chiesto in commissione Affari Costituzionali al Senato che fosse sospeso l'esame del dl Riforme, in attesa che venga sciolto il nodo sull'elettività del futuro organo. La commissione ha bocciato la richiesta.

Il capogruppo M5s in I commissione, Giovanni Endrizzi, ha riferito che ha chiesto al presidente del Senato, Pietro Grasso, un incontro per parlare dell'iter dei lavori. "Si sta creando un problema di tipo concettuale - ha spiegato ai giornalisti Endrizzi - non è possibile decidere sulle competenze del Senato senza sapere chi saranno i nuovi senatori. Una competenza chiara è che il Senato si occuperà anche della revisione della Costituzione. E questo richiede l'elezione da parte dei cittadini con un sistema proporzionale, perché non sarà una camera politica ma di garanzia".

I senatori che l'hanno richiesto la sospensione continueranno comunque a partecipare ai lavori: "Ci manca solo che facciamo loro questo regalo", ha detto la capogruppo Sel, Loredana De Petris, che riferisce di una "insofferenza totale" in commissione "durante gli interventi sugli emendamenti. Anche questo faremo presente al presidente Grasso che è garante della procedura".(Public Policy)

Tutto sul ddl Riforme, con gli emendamenti approvati e il lavoro in commissione, in abbonamento.

SOR

© Riproduzione riservata