Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Delrio: rovesciare il titolo V sulle competenze Stato-Regioni

italia 16 gennaio 2014

ROMA (Public Policy) - "È necessario rovesciare completamente il modello attuale" della ripartizione delle competenze tra Stato, Regioni e Comuni contenuta nel Titolo V della Costituzione. Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali Graziano Delrio, in audizione di fronte alla commissione per le Semplificazioni a palazzo San Macuto. "Oggi, infatti - ha continuato - attraverso la tecnica degli elenchi di funzioni, spesso contenti anche evidenti sovrapposizioni, il permanere dei principi fondamentali della legislazione statale e la trasversalità di alcune materie di competenza esclusiva, si è determinato un intreccio spesso inestricabile di competenze e di funzioni.

E lo stesso è avvenuto per quanto riguarda la ripartizione dei compiti amministrativi tra i livelli di governo". "Invece il modello che attraverso la riforma del Titolo V va costruito deve mantenere necessariamente una forte flessibilità". "Nulla vi è di più antistorico che fissare elenchi di materie per modificare le quali occorra poi o la revisione costituzionale o arditi interventi della Corte costituzionale, sempre e comunque di limitata effettiva possibile portata". "Allo stesso tempo - ha concluso - occorre anche creare un sistema fondato sul principio di responsabilità e di chiarezza su chi deve fare che cosa e con quali risorse. Occorre ripensare dal profondo il Titolo V attuale, accompagnando la sua revisione anche con una semplificazione incisiva del nostro sistema di finanza pubblica e di ripartizione delle competenze e di funzionamento delle amministrazioni". (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata