Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

RIFORME, DI FEDERICO: LA COSTITUZIONE ITALIANA? HA TANTI VIZI E DISCORDANZE

parlamento 07 giugno 2013

RIFORME, DI FEDERICO: LA COSTITUZIONE ITALIANA? HA TANTI VIZI E DISCORDANZE

(Public Policy) - Roma, 7 giu - "La Costituzione italiana?
Ha tanti vizi e discordanze, con conseguenze disastrose. Lo
dico da vent'anni, prendendomi un sacco di insulti". Per
Giuseppe Di Federico, professore emerito di Ordinamento
giudiziario a Bologna, quando il premier Enrico Letta "dice
che la nostra Costituzione è la più bella si riferisce alla
prima parte della carte, che contiene valori condivisibili e
non alla seconda".

Di Federico è stato scelto dal presidente Letta per far
parte del gruppo dei 35 "saggi" per le riforme
costituzionali. "Speriamo che sia la volta buona", dice il
giurista intervistato dal Corriere della Sera, che aggiunge:
"Sono pessimista di natura, ma mi comporterò come se non lo
fossi. Sulla base dei precedenti tentativi di riforma,
dovrebbe subentrare lo sconforto. Ma qui siamo in una
situazione eccezionale e drammatica sotto il profilo
istituzionale. Speriamo che tutto questo possa ridurre a
ragione anche dei professori universitari, cosa non facile".

E sul modello presidenzialista aggiunge: "Negli Stati Uniti
non mi ha fatto paura e non fa paura in Francia. Fatico a
comprendere perché faccia tanta paura qui da noi".

Quindi nessun rischio America Latina, "il problema -
conclude - non è se sia pericoloso, ma se si può fare, in un
Paese dove i cultori del diritto costituzionale sono così
conservatori". (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata