Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Riforme, verso più ipotesi testo base su 3-4 punti da votare in Senato

riforme 28 aprile 2014

ROMA (Public Policy) - Sul ddl di riforme costituzionali in commissione Affari costituzionali al Senato potrebbero essere presentate due ipotesi di testo base, o meglio due ipotesi su 3-4 punti maggiormente dibattuti tra cui l'elezione diretta dei senatori, il potere delle regioni, e devolution.

A dirlo, a margine di una conferenza stampa a Palazzo Madama, è la capogruppo di Sel Loredana De Petris. "Potremmo trovarci secondo me - dice De Petris - anche davanti a due ipotesi su alcuni punti e su quelli penso che ci siano numeri un po diversi" , di una maggioranza alternativa.

La capogruppo di Sel ha ricordato che il testo base dovrà essere presentato dai relatori, Anna Finocchiaro del Pd per la maggioranza e Roberto Calderoli della Lega per la minoranza, ma va votato dalla commissione. L'ipotesi, dice, è che quindi su alcuni punti vengano presentate delle versioni alternative da mettere ai voti: e, sostiene, ad esempio sull'elezione diretta dei senatori potrebbe palesarsi la maggioranza alternativa che è emersa la scorsa settimana in commissione. (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata