Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

La risoluzione al Senato sul superamento dei campi nomadi

rom 11 marzo 2015

ROMA (Public Policy) - Superamento dei campi nomadi in Italia e concreta attuazione della Strategia nazionale d'inclusione di rom, sinti e camminanti. Lo prevede una risoluzione approvata in commissione Diritti umani al Senato.

La risoluzione nasce dalle visite svolte dai membri della commissione nei mesi scorsi in campi e villaggi attrezzati, soprattutto nella città di Roma. In particolare - spiega una nota il presidente dell'organo parlamentare, il senatore Pd Luigi Manconi - è stato visitato più volte il "Best House Rom", che accoglie circa 300 persone "in spazi inadeguati e lontani dall'assicurare condizioni di vita minimamente accettabili. D'altra parte - si legge - è quel centro che l'assessore alle Politiche sociali di Roma Francesca Danese si è impegnata chiudere al più presto, offrendo alle famiglie una sistemazione dignitosa e l'avvio di un percorso condiviso".

"Le recenti inchieste giudiziarie hanno evidenziato come la gestione dei campi nomadi a Roma - si legge nella risoluzione - rientrasse all'interno di un sistema corruttivo finalizzato all'assegnazione di appalti e finanziamenti pubblici che ha portato negli ultimi anni a un peggioramento delle condizioni di vita delle comunità Rom, alla loro segregazione e a un spreco di risorse pubbliche: nel solo 2013 e nella sola Capitale sono stati impegnati oltre sedici milioni di euro, di cui circa il 60% rappresentato dai soli costi di gestione".

"La commissione chiede al governo - conclude Manconi- di adottare misure urgenti ed efficaci nell'ambito delle politiche generali di inclusione sociale per il miglioramento delle condizioni di vita di rom, sinti e camminanti". (Public Policy) RED

© Riproduzione riservata