Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Roma, dopo attacco alle colombe papali deputato chiede indagine sui gabbiani

GABBIANI 28 gennaio 2014

ROMA (Public Policy) - L'attacco di domenica alle colombe del Papa, da parte di una "cornacchia grigia" e di un "gabbiano reale zampegialle" (come nota correttamente oggi il National Geographic in un articolo di Mel White dedicato al caso), non è passato inosservato in Parlamento.

L'attento Federico Gelli, componente Pd della commissione Affari sociali alla Camera, ha infatti subito chiesto di sentire in audizione "le federazioni e associazioni dei veterinari per poter avviare un'indagine conoscitiva sui rischi connessi alla grande proliferazione dei gabbiani nei centri abitati".

L'episodio di Piazza San Pietro non è proprio andato giù al deputato, con "la colomba lanciata dal Papa finita subito vittima dei predatori"; un attacco che ha - secondo Gelli - "aperto sui media un dibattito sull'invasione dei gabbiani a Roma e nei grandi centri abitati, in stretto rapporto alla questione dei rifiuti. Si parla di una popolazione di esemplari di gabbiano in grande aumento negli ultimi anni, con conseguenze non soltanto per la pulizia delle città ma anche per l'incolumità delle persone e in particolare dei bambini".

È giunta l'ora, dunque, che il Parlamento "comprenda a pieno il profilo di questo nuovo fenomeno di proliferazione, che modifica l'ecosistema di alcuni contesti cittadini e può diventare un grave problema ad esempio in caso di epidemie aviarie. I medici e gli esperti ci dicano quali rischi corrono i cittadini e quali sono gli strumenti per ridurre la presenza sempre più ingombrante di questi predatori sui tetti dei centri abitati". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata