Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Sblocca Italia, 90 giorni a soprintendenze per decidere su ritrovamenti archeologici in cantieri

metro-la-stazione-municipio-aprira-a-natale-2-L-9qzwem 27 agosto 2014

ROMA (Public Policy) - Qualora vennissero scoperte cose di interesse archeologico nel corso dei lavori di realizzazione di un'opera pubblica o di pubblica utilità "nei novanta giorni successivi alla scoperta il soprintendente, sentita l'Amministrazione che ha autorizzato la costruzione dell'opera, determina le misure idonee a tutela del bene ritrovato, prendendo in esame le proposte progettuali del soggetto realizzatore dell'opera, volte a rendere compatibile la realizzazione della stessa con la valorizzazione e/o conservazione delle cose ritrovate". È quanto prevede una bozza di articolato del cosidetto piano Sblocca Italia, atteso in cdm venerdì prossimo, in possesso di Public Policy.


"Avverso le determinazioni del soprintendente, nei trenta giorni successivi alla loro notifica, il soggetto realizzatore dell'opera può ricorrere al ministro per i Beni e le attività culturali, che provvederà nel termine di novanta giorni dal ricevimento, previo parere di una Commissione per la tutela dei beni archeologici, nominata dallo stesso ministro e composta da esperti indipendenti nella valorizzazione dei beni archeologici", prevede ancora la bozza. Con un regolamento del ministro per i Beni e le attività culturali entro novanta giorni dall'entrata in vigore della norma, saranno definiti la composizione ed il funzionamento della Commissione, che in ogni caso non dovrà comportare nuovi oneri per la finanza pubblica, poichè i costi connessi saranno a carico dei soggetti proponenti il ricorso. (Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata