Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

SCUOLA, ANIEF: TAR AMMETTE A SCRITTI CANDIDATI CON PUNTEGGIO 30-34,5

28 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 28 gen - Anche chi, alle prove
preselettive del 'concorsone' della scuola, ha ottenuto un
punteggio da 30 a 34,5, può partecipare, con riserva, alle
prove scritte. Lo ha deciso il Tar del Lazio che ha accolto
il ricorso di una partecipante, rappresentata
dall'associazione professionale sindacale Anief
(Associazione nazionale insegnanti e formatori).

Lo annuncia l'Anief sottolineando che il 7 febbraio ci sarà l'udienza
per altri 5 mila candidati al concorso e che l'adesione al
ricorso è stata prorogata alle ore 15 del 30 gennaio (per
informazioni proroga.soglia35@anief.net o 091.6598362).

Il ricorso è uno di quelli annunciati dall'Anief già a
settembre e va contro la decisione del ministero di
ammettere agli scritti solo chi abbia totalizzato 35 alle
prove preselettive. Secondo l'Anief questa soglia viola la
normativa perché è superiore al punteggio di 30, equivalente
al vecchio voto 6.

"Per la seconda volta - si legge in una nota dell'Anief - i
giudici amministrativi danno ragione, anche se in sede
cautelare, ai legali dell'Anief, questa volta ammettendo
alle prove scritte in calendario dall'11 al 21 febbraio
prossimi i ricorrenti che erano stati esclusi pur avendo
raggiunto la soglia della sufficienza (30/50) prevista dalla
legge rispetto alla soglia arbitraria dei 35 punti scelta
dal Miur".

"Ancora una volta - dice il presidente dell'Anief Marcello
Pacifico - la giustizia ha sanato un'evidente condizione di
illegittimità che aveva escluso dalle selezioni candidati
che ora possono dimostrare il loro merito". (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata