Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

SE IL M5S NON SI ASSUME LE SUE RESPONSABILITÀ, SUBITO AL VOTO /INTERVISTA

RAMPELLI: SUBITO AL VOTO 01 marzo 2013

rampelli

(Public Policy) - Roma, 1 mar - (di Gaetano Veninata)
"Bisogna andare a votare, subito. Se non ci sono i numeri
bisogna tornare alle urne". Fratelli d'Italia (alleato di
Pdl e Lega) è andato peggio di come si aspettavano i
fondatori (il trio Meloni-Crosetto-La Russa) - 1,92% al
Senato, 1,95% alla Camera - ma a differenza di altri, dice
Fabio Rampelli, eletto alla Camera nella circoscrizione
Lazio 2, "noi non pensiamo che il voto sia un pericolo, non
lo è mai in democrazia".

D. IPOTESI GROSSE KOALITION PD-PDL, FRATELLI D'ITALIA CHE
FA?
R. Non lo sosterremo mai, per la ragione elementare che in
campagna elettorale abbiamo raccontato l'uno l'opposto
dell'altro.

D. UN NUOVO GOVERNO TECNICO È UN'IPOTESI PRATICABILE?
R. Guardi, se non ci sono i numeri per irresponsabilità di
qualcuno, non bisogna fare un governo tecnico, bisogna
tornare alle urne.

D. CON I 5 STELLE AVETE DEI PUNTI IN COMUNE, PENSO ALLA
LOTTA CONTRO GLI STIPENDI D'ORO. E SE SI FORMASSE UN
ESECUTIVO GUIDATO DAL M5S?
R. Quando ci sarà un Governo, se Grillo consentirà il varo
di un Governo, valuteremo i provvedimenti uno per uno e se
ci piacciono li sosterremo. Un po' come ha dichiarato di
voler fare Grillo: la differenza è che noi siamo un partito
del 2% e non spetta a noi formare un Esecutivo. Con il 25%,
invece, devi entrare in partita, non puoi far finta di
niente, devi metterci la faccia.

D. QUALI SONO I PUNTI IN COMUNE CON IL M5S, OLTRE AGLI
STIPENDI D'ORO?
R. Taglio della spesa pubblica, dei costi della politica,
delle retribuzioni per i consiglieri di amministrazione
delle società partecipate, oppure penso all'ecologia: anche
noi come il M5s siamo contrari al fatto che i fondi del Cip6
(incentivi alle fonti assimilate alle rinnovabili; Ndr)
vadano ad alimentare le energie sporche.

D. SUBITO AL VOTO, DUNQUE. MA CON IL PORCELLUM?
R. Guardi che una legge proporzionale come quella che
voleva fare il Pd e che c'era durante la prima Repubblica
sarebbe stata ancora peggio: solo in questo sistema
elettorale esiste un grosso premio di maggioranza che
garantisce governabilità anche se non esiste una maggioranza
reale nel Paese (come nel caso del centrosinistra alla
Camera; Ndr). Bisogna solo aggiungere alla legge elettorale
attuale il diritto a scegliersi i parlamentari attraverso il
voto di preferenza, come per i sindaci.

D. GIORGIA MELONI HA DECISO PER QUALE SEGGIO OPTARE (ELETTA
NEL LAZIO 1, POTREBBE OPTARE PER LOMBARDIA 3 PER FAR SPAZIO
A UN SUO FEDELISSIMO, MARCO MARSILIO)?
R. Ne stiamo parlando, avendo solo 9 seggi è una
discussione complicata. Penso che intanto aspetteremo la
proclamazione della Corte d'appello. Il nostro obiettivo è
quello di fare un gruppo autonomo.

D. CHI PROPORRETE COME PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA?
R. L'imprenditrice antimafia di cui ha parlato Giorgia
Meloni in campagna elettorale (Valerio Grasso; Ndr).

D. PRODI?
R. No guardi, noi nasciamo per rinnovare.

D. DARIO FO?
R. Idem, non vorrei che domani il Pdl proponesse Lino Banfi
e il Pd Maurizio Crozza. (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata