Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

SENATO, APPROVATA MODIFICA DEL REGOLAMENTO, CONTRARI 5 STELLE E LEGA

legge elettorale, genere 24 aprile 2013

(Public Policy) - Roma, 24 apr - "Approvata a maggioranza la
modifica transitoria del regolamento sui segretari d'aula
contrari Lega e M5s, astenuto Scilipoti". Così, su Twitter,
il senatore Pd Stefano Vaccari. Si chiude dunque una vicenda
che si trascinava dai primi di aprile, fin dall'apertura
della legislatura.

Nella seduta del 16 aprile di Palazzo Madama Pietro Grasso
aveva annunciato che sarebbero andate oggi (24 aprile) in
Aula le decisioni della Giunta per il Regolamento relative
ai segretari d'Aula, per essere approvate. Le elezioni di
due di essi erano infatti slittate, nell'attesa di dirimere
alcune questioni.

Al fine infatti di assicurare la rappresentatività di tutti
i gruppi nel Consiglio di presidenza, se ne sarebbe dovuto
aggiungere un terzo, che però avrebbe fatto sforare
l'attuale numero previsto dal Regolamento. Oggi l'Aula ha
dunque approvato le modifiche transitorie, con 182 voti
favorevoli, 61 contrari (come ricorda Vaccari M5s e Lega) e
1 astenuto (Domenico Scilipoti del Pdl).

I gruppi prima esclusi dal Consiglio di presidenza erano
Grandi autonomie e libertà (Gal), il gruppo per le Autonomie
e Sel; ora i loro rappresentanti verranno integrati.

IL TESTO DELLA PROPOSTA ZANDA-SCHIFANI-MAURO-LANIECE
"Una compagine parlamentare - si legge nella proposta
approvata a firma Luigi Zanda (Pd), Renato Schifani (Pdl),
Mario Mauro (Sc) e Albert Laniece (Autonomie) - risulterebbe
comunque priva di rappresentanza in seno ad un organo le cui
funzioni appaiono di preminente importanza per la gestione e
il buon andamento dei lavori di questa Assemblea".

"Alla luce di tali
considerazioni la disposizione transitoria proposta è volta
a consentire, in via derogatoria rispetto alla disciplina
dell'articolo 5, comma 2-bis, del nostro Regolamento,
l'elezione di un senatore segretario per ciascuno dei gruppi
attualmente esclusi dal Consiglio di presidenza. Questa
elementare norma di tutela della rappresentatività del
collegio, le cui prerogative sono disciplinate dall'articolo
12 del nostro regolamento, è corredata della previsione
normativa in base alla quale, qualora uno dei tre senatori
segretari eletti cambiasse gruppo di appartenenza decadrebbe
dalla carica".

IL 'NO' DEL MOVIMENTO 5 STELLE
"C'era in votazione la seguente proposta - scrive su
Facebook il senatore M5s Carlo Martelli - in deroga al
regolamento (ma se c'è un regolamento e si va in deroga,
dove lo facciamo finire il regolamento?) si voleva aumentare
il numero dei segretari. Per una questione di principio,
cioè fare in modo che il regolamento sia rispettato e
l'andare in deroga non diventi prassi e quindi violazione
sistematica [...] abbiamo votato contro [...] Ci stiamo
opponendo a che si dia rappresentanza a gruppi che non hanno
rispondenza con la consultazione elettorale e sono stati
creati ad hoc in Aula". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata