Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Al Senato si parlerà anche del condono firmato Ala

condono industria 22 novembre 2017

ROMA (Public Policy) - Ritoccare la legge sull'abuso edilizio del 1994, per chiarire che il condono vale anche per gli immobili a uso non abitativo. Lo chiede un emendamento a firma Ala alla manovra finanziaria, depositato in commissione Bilancio al Senato, e riammesso alla discussione in commissione dopo che in un primo momento era stato dichiarato inammissibile dalla presidenza.

Al momento non è possibile ottenere il condono edilizio se l’abuso supera il 30% della volumetria originaria o i 750 metri cubi. I limiti valgono sia per le abitazioni sia per gli edifici con una destinazione diversa, così come stabilito dalla Cassazione nonostante sul tema sia intervenuto anche il ministero dei Lavori pubblici, con una circolare del 1995 (la 2241).

L'emendamento, a prima firma Antonio Milo, punta a far valere il condono 'allargato', ossia senza nessun tetto di metri cubi, per "gli immobili ad uso non residenziale", ovvero quelli destinati allo svolgimento di attività commerciali, industriali o di interesse turistico. (Public Policy) SOR

© Riproduzione riservata