Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Guzzetti: Siena caso isolato tra fondazioni

guzzetti: siena coaso isolato, politica non entra in fondazioni 30 ottobre 2013

guzzetti: siena coaso isolato, politica non entra in fondazioni

(Public Policy) - Roma, 30 ott - "Non corrisponde al vero, salvo l'unico caso di Siena, l'affermazione che tramite le fondazioni si sarebbero introdotti la politica e i partiti nelle banche. Sfido chi fa queste affermazioni a indicare un consigliere, uno solo, innanzitutto dei tre grandi gruppi, cioè Intesa Sanpaolo, Unicredit, Ubi Banca, che abbia queste caratteristiche 'partitiche o politiche'".

Lo ha detto il presidente dell'Acri Giuseppe Guzzetti, nel corso della conferenza dell'Associazione delle fondazioni e delle casse di risparmio in occasione della giornata mondiale del risparmio che si sta svolgendo a Roma. Un vero e proprio discorso di autodifesa quello di Guzzetti che ha ribadito: "Da parte delle Fondazioni, voglio dirlo chiaro, non si è trattato di cercare di mantenere posizioni di potere nelle banche, ma di accollarsi un impegno gravoso nell'interesse della banca e, soprattutto, della collettività".

Infatti nel suo intervento il presidente dell'Acri ha ricordato che "le Fondazioni di origine bancaria, oltre che della Cdp, sono azioniste di banche: ovvero, piaccia o non piaccia, il perno su cui si muove l'intero sistema economico italiano!". Partendo da questa affermazione Guzzetti ha poi sottolineato che "le nostre Fondazioni hanno contribuito al riassetto e alla ristrutturazione del sistema bancario nazionale" e che non hanno fatto "mancare per quanto possibile il flusso di credito all'economia reale". "Come ha sottolineato il governatore Visco, in occasione dell'assemblea di Banca d'Italia del 31 maggio 2013, nel nostro Paese l'apporto pubblico all'industria bancaria è stato pari allo 0,3% del Pil - ha proseguito il presidente dell'Acri -, mentre in Germania il sostegno dello Stato è stato dell'1,8% (ancora oggi lo Stato federale detiene il 17% di Commerzbank ed è intervenuto pesantemente per salvare le Landesbanken e le Sparkassen), in Belgio del 4,3%, in Olanda del 5,1%, in Spagna del 5,5%, in Irlanda del 40%". (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata