Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

SIRIA, CONSIGLIO DEI MINISTRI ESTERI UE: TROVARE SOLUZIONE POLITICA ALLA CRISI

08 marzo 2013

(Public Policy) - Roma, 8 mar - Sarà ancora una volta la
crisi siriana il principale argomento del Consiglio dei
ministri degli Esteri europei, che si riunirà lunedì
prossimo. È prevista la partecipazione dell'inviato speciale
delle Nazioni Unite e della Lega Araba Lakhdar Brahimi.

Lo rende noto la Farnesina, aggiungendo che,
nell'occasione, si discuterà di come sostenere lo sforzo
diplomatico per trovare una soluzione politica alla crisi.

Nel Consiglio di febbraio - evidenzia il ministero - era
stato deciso il rinnovo delle sanzioni per tre mesi,
modificando l'embargo sulle armi con un meccanismo di
"revisione costante" ed una "flessibilità" per la fornitura
di equipaggiamento "non letale" e di assistenza tecnica non
militare per la protezione della popolazione civile.

SOSTEGNO ALL'AZIONE DELL'INVIATO ONU
L'Italia e gli undici Paesi riuniti alla Conferenza di Roma
dello scorso 28 febbraio hanno confermato il sostegno
all'azione di Brahimi nel quadro del "forcing" diplomatico
della comunità internazionale. L'obiettivo prioritario è
quello di rafforzare la Coalizione delle opposizioni,
considerata l'unico legittimo rappresentante del popolo
siriano, spiega la Farnesina.

A Roma è stata discussa anche della possibilità di
istituire azioni umanitarie per consentire di aiutare la
popolazione.

TERZI-BAN KI-MOON: CONSIGLIO SICUREZZA ONU SI SBLOCCHI
Il ministero degli Esteri ha ricordato che la crisi siriana
è stata al centro dei colloqui di inizio settimana a New
York tra il ministro Giulio Terzi di Sant'Agata ed il
Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon.

Terzi ha riferito gli esiti della Conferenza di Roma, da
cui è emerso un messaggio di forte sostegno alla Coalizione
delle opposizioni. Entrambi hanno espresso preoccupazione
per il peggioramento delle violenze e per la grave emergenza
umanitaria, concordando sulla necessità di una pressione più
decisa della comunità internazionale sul regime e avviare un
percorso verso la soluzione della crisi.

In quest'ottica, Terzi e Ban Ki-moon auspicano che il
Consiglio di Sicurezza dell'Onu superi l'attuale fase di
impasse. (Public Policy)

DAP

© Riproduzione riservata