Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Società controllate, sulle nomine risponde il Mit: rispetteremo direttiva Mef 2013

nomine 21 marzo 2014

ROMA (Public Policy) - "Il governo conferma la volontà di applicare i criteri e le procedure contenute nella direttiva approvata dall'ex ministro dell'Economia il 24 giugno 2013 sui criteri di eleggibilità e gli indirizzi da osservare per le nomine" delle società controllate "rafforzando i requisiti di onorabilità e professionalità richiesti dagli amministratori".

Lo ha detto Umberto Del Basso De Caro, sottosegretario alle Infrastrutture, rispondendo in Aula alla Camera a un'interpellanza del Movimento 5 stelle sulle nomine dei vertici delle società controllate, direttamente o indirettamente, dal ministero dell'Economia.

"Non è possibile che su una interpellanza di questo tipo - ha replicato il deputato 5 stelle Andrea Vallascas - non ci sia una rappresentanza del ministero dell'Economia. Dove sono i tre sottosegretari e i due viceministri?".

L'interpellanza, tra le altre cose, rilevava come tra i vertici in scadenza ci siano quelli dell'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, l'Arcus, l'Istituto Luce-Cinecittà, l'Italia Lavoro, Sogin, Sose e Studiare Sviluppo. I 5 stelle puntavano il dito in particolare sui stipendi dei vertici e su alcune procedure penali che coinvolgerebbero diversi manager. (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata