Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Spalma-incentivi FV? Meno risparmi rispetto alle stime

energia rinnovabili 09 novembre 2015

ROMA (Public Policy) - In merito alla rimodulazione degli incentivi sui grandi impianti fotovoltaici è stata registrata una riduzione del risparmio atteso pari a 25 milioni di euro, cioè da 420 milioni stimati a 395 annui.

Lo ha detto il sottosegretario all'Economia, Paola De Micheli, rispondendo in aula alla Camera a un'interpellanza a firma M5s sulle misure contenute nel cosiddetto dl Competitività.

Dal 2016 il risparmio a regime delle varie misure taglia-bollette contenute nel dl Competitività e "si dovrebbe attestare intorno ai 70 milioni di euro", ha aggiunto il sottosegretario. Sulla rimodulazione degli incentivi alle fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico il risparmio atteso è stato invece inferiore alle attese per 27 milioni di euro.

Risulta confermato - ha spiegato ancora De Micheli - il risparmio per 80 milioni di euro nel 2015 per la rimodulazione del sistema tariffario elettrico riservato alle Ferrovie dello Stato.

Un effetto positivo per 150 milioni di euro, "precedentemente non conteggiato nelle stime", è stato quantificato a seguito degli interventi regolatori sulla zona di mercato della Sicilia. Confermati risparmi per la revisione del servizio di interrompibilità, per la mancata risoluzione della Convenzione Cip6, per la riduzione dei benefici al Vaticano.

Non è stato possibile, invece, intervenire in riduzione della riserva di importazione a favore di San Marino in ragione di un accordo previgente tra i due Stati, ha concluso De Micheli.(Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata