Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Sulla cannabis c'è un nuovo testo base alla Camera

cannabis 14 luglio 2017

di Fabio Napoli

ROMA (Public Policy) - Dalle semplificazioni per la prescrizione della cannabis al calcolo del fabbisogno regionale; dalla possibilità di produzione, in caso di necessità, anche fuori dallo Stabilimento chimico di Firenze al monitoraggio delle prescrizioni. Sono alcuni dei punti contenuti nella proposta di testo unificato sulla cannabis depositato dalla relatrice per la commissione Affari sociali della Camera, Margherita Miotto (Pd), nel comitato ristretto a lavoro insieme alla commissione Giustizia.

"Il testo depositato è solo una bozza che potrà ancora essere modificato - ha precisato Miotto - Per esempio la parte sulla ricerca e sulla riduzione dell'Iva sono sicuramente da mettere a punto". Sulla proroga della sperimentazione autorizzata dal ministero della Salute per la produzione e la distribuzione di farmaci a base di cannabis da parte dello Stabilimento chimico di Firenze, in scadenza a novembre, Miotto ha sottolineato come "la proposta delinei una normativa a regime, che non ha bisogno di proroghe perché non sono previste scadenze".

In merito alla richiesta arrivata dal relatore per la commissione Giustizia Daniele Farina, sulla coltivazione per uso personale, Miotto ha spiegato che in questo modo "sarebbe impossibile controllare il metodo di coltivazione e la varietà coltivata. Nessun medico autorizzerebbe mai una cosa del genere". Sul reperimento di risorse da destinare al potenziamento dello Stabilimento di Firenze la relatrice ha aperto a possibile modifiche nel corso della discussione.

continua -in abbonamento

© Riproduzione riservata