Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Il Tap attende il Mise, poi partono i lavori

tap 04 maggio 2015

ROMA (Public Policy) - di Viola Contursi - Arriverà a breve l'autorizzazione unica da parte del ministero dello Sviluppo economico per la realizzazione del gasdotto Tap (Trans Adriatic Pipeline) a San Foca, nella marina di Melendugno, per l'interconnessione delle reti di trasporto del gas dalla Turchia all'Italia. Lo si apprende da fonti di governo.

L'autorizzazione del Mise, sotto forma di dm per la costruzione e l'esercizio dell'impianto, sarà l'atto finale prima di dare il via ai lavori, dopo l'ok da parte del Consiglio dei ministri al progetto. Un via libera che ha di fatto sconfessato la decisione della Regione Puglia di opporsi alla costruzione della Tap a San Foca, nonostante ci sia una Valutazione di impatto ambientale favorevole.

Con l'autorizzazione da parte del Mise, quindi, si porrà fine a una lunghissima fase di elaborazione del gasdotto, durata anni, e affiancata da un accesso dibattito. Come si leggeva nel comunicato del governo al termine del Cdm, con il via libera al Tap "il Consiglio dei ministri ha ribadito all'unanimità la rilevanza del gasdotto sotto il profilo della necessità di una diversificazione delle forniture energetiche, anche alla luce dell'esigenza di aprire un nuovo corridoio energetico per importare il gas prodotto nell'area del Mar Caspio in Italia e in Europa, in ottemperanza ad obblighi comunitari e internazionali assunti dall'Italia". (Public Policy)

@VioC

© Riproduzione riservata