Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Tav, qualcosa si muove ma non in Parlamento

ferrovie tav 22 agosto 2016

di Luca Iacovacci

ROMA (Public Policy) - Dall'istituzione di una commissione di inchiesta sul progetto e la realizzazione della Tav alla proposta di agevolazioni fiscali per le imprese operanti nelle aree interessate dal tracciato dell'alta velocità Torino-Lione.

Sono questi i principali argomenti di alcune proposte di legge in materia di Tav presentate nelle due Camere.

La questione dell'alta velocità sulla linea Torino-Lione è tornata alla ribalta delle cronache di questi ultimi giorni con l'annuncio del ministro dei Trasporti Graziano Delrio di un taglio di linee nuove per circa 60 km che porterebbe risparmi sul progetto per 2,6 miliardi di euro.

Mentre Pd e Movimento 5 stelle si accusano a vicenda sulla faccenda (i primi sostengono che l'ipotesi di revisione del progetto è considerata da lungo tempo, i secondi accusano il Pd di aver 'copiato' le loro proposte), in Parlamento i progetti di legge sulla Tav faticano un po' a vedere la luce.

Passiamo in rassegna le proposte principali:

LE PROPOSTE PER ISTITUIRE COMMISSIONE INCHIESTA
Il primo punto che accomuna il ddl al Senato di Marco Scibona (M5s) e la pdl alla Camera di Giorgio Airaudo (Si/Sel; tra l'altro, candidato sindaco a Torino alle ultime amministrative) è, oltre all'obiettivo di istituire una commissione di inchiesta sulla Tav, che l'esame di entrambe le proposte ha preso il via nelle commissioni competenti, salvo 'arenarsi' dopo la prima seduta, quella dell'illustrazione.

Rispettivamente: il 21 ottobre 2014, alla commissione Lavori pubblici di Palazzo Madama, la prima; il 16 aprile 2015, alla commissione Trasporti di Montecitorio, la seconda.

Entrando nel merito dei progetti di legge, entrambi chiedono di quantificare gli oneri finanziari e le spese sostenute dallo Stato, verificare la correttezza dello svolgimento delle gare di appalto e della gestione ambientale e economica complessiva del progetto, verificando anche le procedure e gli accordi presi da Ferrovie dello Stato.

continua - in abbonamento

© Riproduzione riservata