Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Terra Fuochi, dl: per combustione illecita rifiuti pene da due a sei anni

Terra Fuochi, ok da II commissione ma in caso di indagini pm avvisi i Comuni 03 dicembre 2013

ROMA (Public Policy) - "Chiunque appicca il fuoco a rifiuti abbandonati ovvero depositati in maniera incontrollata in aree non autorizzate sarà punito con la reclusione da 2 a 5 anni". Nel caso in cui sia appiccato il fuoco a rifiuti pericolosi "si applica la reclusione da 3 a 6 anni". È quanto prevede la bozza di decreto Terra dei fuochi, entrata oggi in Consiglio dei ministri - di cui Public Policy è in possesso - che introduce nel nostro ordinamento il reato di combustione illecita di rifiuti.

Il provvedimento inoltre inasprisce le pene per chi abbandona o deposita rifiuti o li immette nelle acque, prevedendo anche per questi reati il carcerazione da 3 a 6 anni. Per le aziende che commettono questi reati la pena é aumentata di un terzo e viene prevista la confisca dei mezzi di trasporto utilizzati per l'abbandono di rifiuti.

Al nuovo reato di combustione illecita di rifiuti saranno applicate le sanzioni previste dal decreto 152 del 2006 ("Norme in materia ambientale") con multe da 300 euro a 30mila euro, il doppio se si tratta di rifiuti pericolosi. Le pene aumenteranno anche se i reati saranno commessi in territori che, nei cinque anni precedenti, siano stati interessati da dichiarazioni di stato di emergenza nel settore dei rifiuti (come nel caso della Campania).(Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata