Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dal web ad al-Nusra, cosa ha detto Pansa alla Camera

peshmerga 26 febbraio 2015

ROMA (Public Policy) - "L'analisi del web fatta in Italia è completamente uguale a quella che fanno in Germania, in Francia o in Svizzera. Se noi avessimo un organismo unico" europeo, "con le migliori professionalità, con i migliori esperti anche di cultura araba, che potesse analizzare a fondo la rete, avremmo sicuramente una maggiore forza. È una delle idee che con i colleghi di Europol abbiamo analizzato" di recente. Lo ha detto, durante un'audizione a Montecitorio nell'ambito del comitato Schengen, il capo della polizia, Alessandro Pansa.

ATTENZIONE AD AL-NUSRA E BOKO HARAM
"Non siamo concentrati solo sullo Stato islamico, sappiamo bene ad esempio che il Fronte al-Nusra (gruppo islamista siriano, vicino ad Al-Qaida; Ndr) è più pericoloso dell'Is", senza dimenticare il gruppo nigeriano "Boko Haram: facciamo finta che non esista ma stanno arrivando al confine sud dell'Europa, sono quasi al Niger", ha affermato Pansa.

SUI BARCONI NON CI SONO I TERRORISTI
Parlando del rischio dell'infiltrazione di terroristi sui barconi di immigrati, Pansa ha chiarito che "immigrazione non è

sinonimo di terrorismo", il ministro Alfano "lo dice continuamente: sui barconi a noi non risulta che ci siano i terroristi, ma non è pensabile a priori che questo si possa escludere".

FOREIGN FIGHTERS: 60 IN TUTTO, 5 SONO ITALIANI
"Noi abbiamo contato 60 foreign fighters: cinque sono italiani, due hanno la doppia nazionalità, tutti gli altri sono di origine straniera". (Public Policy) GAV

continua - in abbonamento

© Riproduzione riservata