Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Ue, commercio estero: da nuove norma Spg a accordo ferroviario con Ocse

Ue, commercio estero: da nuove norma Spg a accordo ferroviario con Ocse 10 gennaio 2014

ROMA (Public Policy) - Dal 1° gennaio 2014 nuove norme del sistema di preferenze generalizzate (Spg) dell'Ue, avvio del sesto ciclo di negoziati con il Vietnam e dell'accordo ferroviario con l'Ocse e ripresa dei negoziati con l'Ecuador. Sono queste le principali novità, diffuse in una nota della Commissione nell'ambito del commercio estero dell'Unione europea.

FRONTE SPG La Commissione fa sapere che da inizio mese sono cambiate le norme europee "che stabiliscono quali Paesi sono esenti dal dazio o ne pagano uno ridotto quando esportano verso l'Unione, e quali sono i prodotti interessati". L'obiettivo del Sistema di preferenze generalizzate è quello di dare"ai paesi più poveri del mondo un accesso preferenziale ai 500 milioni di consumatori del mercato europeo". Ne beneficiano ora 90 Paesi, 49 "meno sviluppati" e 41 "a reddito basso e medio-basso". Inoltre, rende noto la Commissione, "il sistema SPG+ è stato riconfermato per: Armenia, Bolivia, Capo Verde, Costa Rica, Ecuador, Georgia, Mongolia, Paraguay, Pakistan e Perù".

VIETNAM "I rappresentanti dell'Ue e del Vietnam si incontreranno a Bruxelles la prossima settimana per il sesto ciclo di negoziati commerciali per un accordo di libero scambio. I colloqui - specifica la nota della Commissione - verteranno su tutti i temi dell'accordo, ossia tariffe, servizi, investimenti, appalti pubblici e questioni normative. Si parlerà anche di sviluppo sostenibile, lavoro, ambiente, animali e tecnologie verdi. Il settimo ciclo si terrà a metà marzo in Vietnam".

ACCORDO FERROVIARIO OCSE Entra anche in vigore l'accordo con l'Ocse sulle infrastrutture ferroviarie con l'autorizzazione alle "rispettive agenzie per il credito all'esportazione ad accettare periodi di rimborso più lunghi per i prestiti destinati al finanziamento di infrastrutture. L'accordo - prosegue la comunicazione della Commissione - riguarda l'esportazione di treni, binari, sistemi informatici per le ferrovie e altro materiale correlato. L'Unione vanta i maggiori produttori di materiale rotabile, tra cui Alstom, Bombardier, Siemens, Talgo, Skoda e AnsaldoBreda ed è uno dei più grandi mercati al mondo di prodotti ferroviari".

NEGOZIATI ECUADOR "I negoziati che saranno avviati la prossima settimana, dal 13 al 17 gennaio, puntano a far aderire l'Ecuador all'accordo commerciale tra l'Ue e i paesi andini Colombia e Perù. - conclude la nota dell'esecutivo europeo - I negoziatori parleranno di accesso al mercato per beni e servizi, appalti pubblici e di alcune disposizioni normative necessarie per l'adesione dell'Ecuador". (Public Policy)

IAC

© Riproduzione riservata