Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

UE, IL NUOVO PROGRAMMA DI AZIONE PER L'AMBIENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Six seedlings growing from soil 29 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 30 nov - La Commissione europea ha
presentato una proposta di Programma di azione per
l'ambiente (Paa) destinato a orientare la politica
ambientale dell'Ue fino al 2020.

Tra le misure concrete da prendere ci sono: l'eliminazione
graduale delle sovvenzioni dannose per l'ambiente, lo
spostamento dalla tassazione del lavoro alla tassazione
dell'inquinamento, la conclusione di partenariati tra Stati
membri e Commissione per l'attuazione della normativa
ambientale dell'Ue, nonché la messa a punto di un sistema di
tracciabilità delle spese relative all'ambiente nel bilancio
Ue.

Dice il commissario per l'Ambiente Janez Potocnik: "Il
nuovo programma di azione traccia la strada che porterà
l'Europa a divenire un luogo in cui la gente potrà vivere in
un ambiente naturale sano e sicuro, il progresso economico
andrà di pari passo con un'economia verde e sostenibile e la
resilienza ecologica sarà un fatto acquisito". In generale,
la resilienza è la capacità di un ecosistema di ripristinare
l'equilibrio del sistema rotto da un intervento esterno, qui
si tratta di un intervento dell'uomo a rimettere a posto le
cose.

La commissaria europea responsabile dell'Azione per il
clima Connie Hedegaard ha avvertito: "Non possiamo aspettare
che sia passata la crisi economica per affrontare le crisi
delle risorse, dell'ambiente e del clima. Dobbiamo
affrontarle tutte contemporaneamente e quindi integrare le
considerazioni ambientali e climatiche nelle nostre
politiche".

Hedegaard ha così concluso: "Questa strategia conferisce a
politici e imprese la visione di lungo periodo di cui
abbiamo tanto bisogno per fare il passo verso una società
sostenibile, a basse emissioni di carbonio in Europa".

IL PROGRAMMA DI AZIONE
La Commissione individua nove obiettivi prioritari nel
programma di azione, tra cui: proteggere la natura e
rafforzare la resilienza ecologica; stimolare una crescita
sostenibile, efficiente nell'impiego delle risorse e a basse
emissioni di carbonio; contrastare efficacemente i rischi
d'ordine ambientale per la salute.

Il programma stabilisce un quadro di sostegno per il
conseguimento di tali obiettivi, promuovendo, tra le altre
cose, una migliore attuazione della normativa ambientale
dell'Ue, l'ampliamento e l'aggiornamento delle conoscenze
scientifiche, gli investimenti necessari per supportare la
politica in materia di ambiente e cambiamenti climatici,
nonché un più efficace recepimento delle considerazioni e
delle esigenze ambientali nelle altre politiche europee.

L'ITER
La proposta della Commissione sarà esaminata dal Parlamento
europeo e dal Consiglio dell'Unione europea. Una volta
approvato, il nuovo Paa diventerà un atto legislativo
dell'Unione europea.

I Programmi di azione per l'ambiente hanno orientato lo
sviluppo della politica ambientale dell'Ue fin dai primi
anni 1970. Il Sesto programma di azione dell'UE per
l'ambiente ha coperto il periodo 2002-2012.

Nell'attuale situazione di crisi economica con la quale
sono alle prese molti Stati membri dell'Ue, la necessità di
riforme strutturali che ne consegue offre all'Unione nuove
opportunità per dirigersi in breve tempo verso un modello di
società più sostenibile. (Public Policy)

SPE

© Riproduzione riservata