Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Ue, Mogherini: dalla Crimea al resto del mondo, la migliore riposta è l'unità

mogherini 21 marzo 2014

ROMA (Public Policy) - In merito alla crisi ucraina e all'annessione della Crimea da parte della Russia "la migliore reazione da parte della comunità internazionale" è stata e sarà "l'unità". "Condividiamo molti dossier, economici e politici, e dobbiamo capire come chiuderli insieme. Dobbiamo accordarci in merito alle crisi che ci sono in tutto il mondo". Lo dice il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, nel corso di un incontro organizzato nella capitale belga dal Brussels Forum.

SUL POPULISMO ANTIEUROPEO In Europa c'è stata una forte "disillusione nei confronti del sogno europeo - dice ancora la titolare della Farnesina - La mia è la generazione Erasmus, noi siamo cresciuti con il sogno di essere europei, oltre che italiani o francesi o tedeschi, e adesso" quello che traspare dal dibattito pubblico "è che noi italiani andiamo a Bruxelles e combattiamo le proposte tedesche". Per Mogherini "anche nella generazione dei padri fondatori (dell'Europa unita; Ndr), c'era il fatto che prima di essere italiani si era europei". Bisogna capire che "l'Italia ha due capitali, Roma e Bruxelles, ma solo perchè anche noi italiani decidiamo a Bruxelles".

SULLA CRISI "Non abbiamo - spiega ancora Mogherini - costruito strumenti che ci consentissero di avere le risposte alla crisi". Ora l'alternativa per il ministro è rifiutare la globalizzazione europea, "come anche alcuni partiti italiani dicono", o "costruire efficienti e reali strumenti per prendere decisioni. Il trattato di Lisbona ci dà già oggi strumenti che non utilizziamo, ad esempio nella politica estera". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata