Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Ue, Unione bancaria: martedì ultima sessione Parlamento per ok definitivo

euro 14 aprile 2014

ROMA (Public Policy) - La prossima sessione plenaria del Parlamento europeo, l'ultima di questa legislatura prima del rinnovo degli europarlamentari (in Italia si voterà il prossimo 25 maggio) sarà decisiva per lo sviluppo dell'Unione bancaria. L'Europarlamento voterà infatti domani, a Strasburgo, "per approvare due leggi che si occupano di ristrutturazione e liquidazione delle banche in difficoltà", misure per garantire "i depositi con meno di 100mila euro" e il "meccanismo unico di risoluzione".

IL PRIMO PILASTRO Come si legge in una nota del Parlamento Ue, misure preventive sui requisiti di capitale delle banche sono già state approvate. É già stata data, quindi, l'approvazione per l'istituzione di un "meccanismo unico di vigilanza (Ssm) per le banche", sotto la guida della Bce, che è il "primo pilastro dell'Unione bancaria".

IL SECONDO PILASTRO "Una gran parte del piano di Unione bancaria sarà completata durante questa sessione plenaria", si legge ancora. Bisognerà quindi approvare il "meccanismo unico di risoluzione per le banche (Srm) che è il secondo pilastro", che prevede un fondo di 55 miliardi di euro (il cosiddetto fondo Salva banche; Ndr) a cui attingere per l'eventuale risoluzione delle crisi bancarie.

LA PROTEZIONE DEI DEPOSITI Al vaglio del Parlamento, inoltre, ci sarà l'aggiornamento dello schema di protezione dei depositi per assicurare ancora più garanzie ai contribuenti.

LE ALTRE MISURE L'ultima misura al voto del Parlamento di Strasburgo riguarda il Bank Recovery and Resolution Directive (Brrd), secondo cui si stabilisce una gerarchia "per assorbire le perdite bancarie" con interventi degli azionisti e dei creditori per ripristinarne la solvibilità. (Public Policy)

IAC

© Riproduzione riservata