Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

L'ex ministro greco Varoufakis ha risposto a Renzi

grecia 22 settembre 2015

ROMA (Public Policy) - "Sottoposto a una coercizione estrema da parte dei leader europei, incluso Renzi (che rifiutò di discutere in modo avveduto le proposte della Grecia) il mio primo ministro, Alexis Tsipras, è stato oggetto il 12 e il 13 luglio scorso di insostenibili azioni di 'bullismo', di aperto ricatto, di pressioni inumane".

Lo scrive l'ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis sul suo blog, rispondendo alle battute di ieri di Matteo Renzi ("anche 'sto Varoufakis ce lo siamo tolto") nel corso della direzione Pd.

Nel post, Varoufakis rivendica la propria lealtà verso Syriza, e ricostruisce, dal suo punto di vista, quanto accaduto lo scorso luglio, quando il premier greco ha accettato le condizioni delle istituzioni europee e del Fmi per un nuovo salvataggio del Paese ellenico.

"Renzi svolse un ruolo centrale nell'aiutare a piegare Alexis - scrive ancora Varoufakis - con la sua tattica del 'poliziotto buono', basata sulla narrativa del 'se non ti arrendi, ti distruggeranno, per favore rispondigli di sì'".

Varoufakis spiega di essere stato allora in disaccordo con Tsipras sul fatto se le istituzioni della 'ex troika' stessero o meno 'bluffando' e se "in ogni caso avessimo il diritto morale e politico di sottoscrivere un altro accordo inattuabile, cedendo le chiavi di ciò che resta dello Stato greco alla 'spietata troika'".

In seguito a tale disaccordo, prosegue "Alexis forzò un'inversione a U nella linea di Syriza" in merito a i prestiti internazionali. Di conseguenza, molti membri del partito, "decisero di non poterlo seguire". Rivolto direttamente a Renzi, Varoufakis scrive: "Non vi siete 'liberati di me' [...] ciò di cui" lei si è liberato, "partecipando a quell'ignobile colpo contro Alexis Tsipras e la democrazia greca lo scorso luglio, è la sua integrità come democratico europeo. Fortunatamente non è un processo irreversibile, ma dovrà fare ammenda. Non vedo l'ora di vederla ritornare tra i ranghi dei democratici europei".(Public Policy) LEP

-- il link al blog di Varoufakis (in inglese)

© Riproduzione riservata