Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VERSO IL 2013, CECCANTI (PD): NON DISPERDIAMO I VOTI DEI RENZIANI

04 dicembre 2012

(Public Policy) - Roma, 4 dic - "L'elettorato che ha votato
Renzi è gassoso e bisogna andargli incontro. Il nodo,
infatti, non è cosa farà Renzi, ma cosa farà il suo
elettorato". Lo ha detto il senatore del Pd e sostenitore
del sindaco di Firenze alle primarie, Stefano Ceccanti, in
un'intervista al quotidiano Avvenire.

"Renzi - ha detto - ha una cultura maggioritaria,
bipolarista da elezione diretta del sindaco, da primarie.
Non è uno da proporzionale, che fa le scissioni per fare un
partito. Immagino, poi, che la sua strategia, pur volendo
vincere, sia stata anche quella del doppio colpo: segnarsi
in modo più che rilevante e prepararsi per il futuro".

Secondo il senatore del Pd l'elettorato sta vivendo "una
contrapposizione vecchio-nuovo per certi versi più forte di
quella destra-sinistra. Chi ha votato Vendola e poi Renzi
potrebbe orientarsi verso Grillo, se il Pd di Bersani non
desse risposte sul piano dell'innovazione".

I voti, ha detto il senatore, che sono andati agli altri
candidati "il Pd rischia di perderli verso le varie
aggregazioni centriste, specialmente se riconducibili a
Monti". Sul futuro posizionamento dell'Udc di Casini e del
Popolo delle libertà, Ceccanti ha detto: "Casini ha
praticamente fatto campagna per Bersani. Ora il pericolo che
Renzi sfondi nel suo elettorato è svanito. Il Pdl, invece,
potrebbe intercettare parte dei delusi che si muovono
sull'asse destra-sinistra, più che su quello vecchio-nuovo.
La novità è che per la prima volta da vent'anni l'elettorato
è iperfluido e tutto può succedere". (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata