Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VERSO IL VOTO, DE GIORGI (GAY.IT) RINUNCIA ALLA CANDIDATURA CON LA LISTA MONTI

16 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 16 gen - Alessio De Giorgi,
candidato montiano al Senato in Toscana, rinuncia alla
candidatura. Lo fa con un post su Facebook, dopo le
polemiche dei giorni scorsi su alcune foto apparse sui
quotidiani (dov'era al fianco di alcune drag queen
all'interno di alcune discoteche gestite da società di cui è
socio) e su alcune attività delle sue aziende. Giorgi è
infatti imprenditore, direttore di Gay.it e noto esponente
della comunità Lgbt. È noto anche per aver formato, con il
suo ex compagno, la prima coppia italiana unita in Pacs
(Patto civile di solidarietà) a Roma nel 2002.

"Credo - scrive sul social network - di essere stato
vittima di un tritacarne vero e proprio, che ha cercato ed è
riuscito a scandagliare in profondità ogni mia attività
imprenditoriale, con una intensità inaudita e non applicata
a nessun altro candidato della prossima competizione
elettorale. Il disegno è evidentemente stato messo in atto
per mettere in difficoltà il senatore Monti e la sua lista,
tentando di mettere in evidenza presunte contraddizioni, in
base ad un non meglio specificato senso comune, sia
all'interno della lista Scelta Civica sia all'interno della
coalizione, attuata forse per coprire mediaticamente ben
altre contraddizioni in liste vicine ai giornali che hanno
portato avanti questa campagna".

"Proprio per il senso di rispetto e pertanto di dovere che
devo al senatore Monti, agli amici che mi hanno affiancato e
sostenuto in questa seppur breve campagna elettorale ma
soprattutto a quelle persone che in Toscana avrebbero votato
la lista Monti consci di potermi vedere a Palazzo Madama e
quindi consapevoli del mio operato, per questo senso di
rispetto io faccio formalmente un passo indietro. Continuerò
comunque a lottare perché un giorno una candidatura come la
mia, con la mia storia imprenditoriale, possa avere diritto
di cittadinanza, insieme ai temi che avrei portato in
Parlamento". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata