Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

FARE PER FERMARE IL DECLINO, DOPO GIANNINO SILVIA ENRICO

20 febbraio 2013

INTERVISTA GIANNINO

(Public Policy) - Roma, 20 feb - Silvia Enrico (Albenga, 1976), è la nuova
presidente di Fare per fermare il declino, dopo le dimmissioni irrevocabili
di Oscar Giannino. La decisione è arrivata dalla Direzione nazionale che si
è tenuta all'Hotel Diana a Roma.

"Dimissioni irrevocabili da presidente in Direzione. I danni su di me per
inoffensive ma gravi balle private non devono nuocere a @Fare2013!", scrive
su Twitter il giornalista. "È una regola secca: chi
sbaglia paga - aggiunge Giannino - Deve valere in politica e soldi pubblici, io
comincio dal privato. Ora giù a pestare dx, sx e centro!".

Queste le prime parole della nuova leader del movimento liberista:
"Oscar Giannino rimane il nostro candidato premier" e "auspichiamo che
prosegua il suo impegno politico". Alla domanda se, una
volta eventualmente eletto, Giannino decidera di non
accettare l'incarico, Silvia Enrico risponde: "Noi
auspichiamo di no, lui non ha detto niente ma deciderà lui
in seguito".

CHI É SILVIA ENRICO
Ecco il cv della nuova presidente riportato sul sito del
partito. Laurea in giurisprudenza università degli studi di
Genova, avvocato. Ha iniziato la mia esperienza
professionale a Milano nello studio di Francesco Galgano e
dopo un periodo in uno studio internazionale, ho fondato
sempre a Milano nel 2009 lo studio legale 4legal. Ambito di
specializzazione diritto societario e commerciale.

LE PAROLE DI BOLDRIN
"Ora avanti tutta verso la vittoria elettorale, con Silvia Enrico
al timone sino al Congresso costituente". Michele Boldrin,
tra i fondatori di Fare per Fermare il declino, commenta così
- dopo un primo semplice post "grazie Oscar." - la scelta della
Direzione nazionale del partito di affidare la presidenza a Silvia
Enrico.

Boldrin lascia dunque intendere che il mandato all'avvocato
ligure sia provvisorio, e annuncia un Congresso costituente
del movimento, che si dovrebbe tenere dopo le elezioni.
"Succeda quel che succeda - scrive ancora su Facebook - le
idee, i principi ed i progetti son giusti. Le persone pure,
basta 'tamisar' un poco per trovar ad ognuno il ruolo
adeguato a fare squadra. A volte il tamiso della storia
lavora in modo complicato, anche doloroso".

Il progetto originale di Fermare il Declino, scrive ancora
Boldrin "ha sia muscoli, che gambe, che fiato per scalare la
montagna. Quindi andrà avanti anche dopo queste elezioni.
Che ora bisogna vincere. Poi chi ha filo per tessere,
tesserà".

LE PAROLE DI SARAVALLE
"Il movimento non è solo Oscar Giannino e c'è un nuovo modo di fare
politica in Italia. Il movimento può uscirne rafforzato perché abbiamo
dimostrato che facciamo la differenza. Lo scandalo è uscito
dall'interno ed è stato risolto in modo trasparente e
pubblico. Non immagino alcun leader che a tre giorni dal
voto avrebbe rassegnato le dimissioni e detto di aver
sbagliato". Lo dice Alberto Saravalle, responsabile
Giustizia di Fare per fermare il declino, a Tgcom24.

Saravalle commenta anche la scelta di Silvia Enrico: "Una
scelta rivoluzionaria, come sono le nostre scelte, una donna
al vertice del partito e mi sembra che sia uno degli
elementi innovativi del modo di far politica che abbiamo
portato in Italia. Chi sbaglia paga e lascia il ruolo.

E su una possibile perdita di voti: "Non credo che ci sia
una fuga di elettori, credo invece che, fatta pulizia, la
gente si convinca del fatto che siamo diversi. Oscar è un
leader carismatico, io gli sono grato per avermi mostrato un
percorso, ha fatto un errore e paga. Quanto accaduto può
aver deluso ma passato il momento della delusione bisogna
andare al voto".

I TWEET DI STAGNARO
Anche il fondatore dell'Istituto Bruno Leoni, Carlo Stagnaro,
ha commentato, su Twitter, le dimissioni di Giannino:
"Grazie a @ogiannino,da amico e da compagno di strada.
Senza Oscar non ci sarebbe @fare2013 e grz al suo coraggio ce la faremo".
E ancora: "Grandissimo #inboccaallupo a #SilviaEnrico. Leader giovane
e combattiva x movimento che ha coraggio di ripensarsi #combattere".
(Public Policy)

RED

© Riproduzione riservata