Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VERSO IL VOTO, I PARTITI CERCANO DI INTERCETTARE GLI UMORI GRILLINI

21 febbraio 2013

beppe-grillo-piazza

(Public Policy) - Roma, 21 feb - Dopo l'uscita di Pier Luigi Bersani
("Faremo scouting parlamentare nei confronti dei grillini")
e dopo che gli ultimi sondaggi (segreti) sembrerebbero testimoniare
di un boom elettorale ancora maggiore di quello previsto per il M5s,
i partiti, tutti, si affollano per cercare di "limitare i danni".

LE PAROLE DI MIGUEL GOTOR (PD)
Miguel Gotor, capolista Pd al Senato circoscrizione Umbria,
sostiene che tra i grillini, una volta arrivati in Parlamento,
"emergeranno diversità di posizioni quando saranno costretti
a metterci ciascuno la faccia senza usare quella di Grillo".
Gotor, intervistato dal Fatto Quotidiano, apre al dialogo
con il movimento ma afferma che i futuri deputati del M5s
"dovranno staccarsi dal loro guru".

"Hanno il diritto e il dovere di essere valutati per i loro
comportamenti" - aggiunge - nonostante Grillo abbia
dimostrato "di voler controllare in modo autoritario e
intollerante la sua parte e credo che questo potrà produrre
degli effetti con i rappresentanti parlamentari del
movimento. Fideismo e democrazia di solito non vanno
d'accordo".

Secondo Gotor, tra gli esponenti del M5s ci sono anche
"istanze libertarie, piattaforme etiche condivisibili,
desiderio sincero di rinnovare la politica. Provare a capire
è il presupposto per capirsi e stimarsi".

"La base ideologica del grillismo - continua il candidato
Pd - è stata formata ogni sera da Striscia la notizia, il
cui autore è quell'Antonio Ricci che ha creato un transfer
popolare e populista tra il pupazzo Gabibbo e il suo amico
Grillo. La maschera del comico che finalmente la canta alla
politica".

COME REAGISCONO I CANDIDATI DEL M5S
"Se dovessi affrontare qualche emissario in Transatlantico,
gli direi che si deve vergognare, non deve avvicinarsi per
dignità", così Roberto Fico, candidato ed esponente del M5S
campano.

Per Fico sarà il Pd che dovrà allinearsi con i grillini e
non il contrario, sulle politiche e proposte da portare
avanti: "Se vogliono fare il bene collettivo e l'interesse
comune, devono venirci dietro. Li faremo uscire tutti a mani
in alto? È una battuta, ma chiediamo di arrendersi. Noi
proporremo idee, contenuti, cercheremo di fare approvare
quanto costruito insieme in questi anni: aboliremo il
finanziamento pubblico ai partiti, elimineremo i cip6
(contributi sull'energia, ndr), cercheremo di fare approvare
i referendum propositivi e abrogativi senza quorum e le
proposte popolari dovranno essere discusse in parlamento".

LE APERTURE DI DI PIETRO E INGROIA (RC)
Gli eletti in Parlamento del movimento 5 stelle? "Assolutamente
saranno interlocutori credibili perché sono persone che protestano
civilmente armati del solo strumento del voto. La differenza è
che loro vogliono sfasciare il sistema, noi pensiamo anche a
ricostruirlo". Così Antonio Di Pietro, leader Idv e
candidato con Rivoluzione civile alle prossime elezioni in
diretta a Tgcom24.

"Dialogo con i grillini? Credo di sì e lo auspico. Non voglio offendere i candidati
del Movimento, ma costituisce un'anomalia il fatto che i
loro elettori votano conoscendo solo Grillo. Chi va in
Parlamento non ha mai detto cosa pensa. Non si tratta di
scouting, ma abbiamo molti punti in contatto, meglio sarebbe
stato se si fosse aperto un dibattito prima. I candidati di
grillo arrivano in Parlamento a scatola chiusa". Lo dice, sempre a
Tgcom24, il leader di Rivoluzione civile Antonio Ingroia.

LA RUSSA (FDI): NOI SIAMO GLI ANTI-GRILLO
L'obiettivo di Fratelli d'Italia è intercettare gli
indecisi e offrire un'alternativa più solida a chi è
attratto dal Movimento 5 stelle. La ricetta per guarire il
Paese è opposta a quella di Grillo perché "noi
all'antipolitica contrapponiamo la politica bella, fatta di
impegno, valori e passione", sottolinea Ignazio La Russa in un'intervista al Giornale.

"Noi siamo l'anti Grillo - ribadisce l'ex ministro della
Difesa - basta pensare a chi è il nostro simbolo, Giorgia
Meloni. Io sono felice di essermi messo in gioco per fare da
apriprista per i giovani come lei e Guido Crosetto". (Public
Policy)

© Riproduzione riservata