Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VERSO IL VOTO, INGROIA VS SEL: NON USI COALIZIONE COME TAXI PER IL PARLAMENTO

01 febbraio 2013

VERSO IL VOTO, INGROIA VS SEL: NON USI COALIZIONE COME TAXI PER IL PARLAMENTO

(Public Policy) - Roma, 1 feb - "Sel sta dentro una contraddizione
dalla quale non potrà liberarsi. Non può
utilizzare come un taxi la coalizione di centrosinistra e
garantirsi i seggi in Parlamento che altrimenti non avrebbe
preso. Doveva affrontare il rischio dello sbarramento, come
noi". Lo dice il leader di Rivoluzione civile Antonio
Ingroia durante una conferenza alla Camera con gli ex
vendoliani passati nel movimento guidato dal magistrato.

"Non ci deve essere nessuna prospettiva di accordo nè con
Berlusconi nè con Monti - afferma Ingroia - Vendola non ci
ha dato garanzie in tal senso". Presente anche il sindaco di
Palermo Leoluca Orlando: "Rc vuole aiutare Vendola impedendo
che finisca nelle braccia di Monti. C'è questa bufala del
voto utile, ma nessuna delle coalizioni presenti al Senato
avrà la maggioranza. Si tratta di stabilire chi si allea con
chi".

"Sel - continua Orlando - era e dovrebbe essere
presente in una realtà come Rivoluzione civile, se non
avesse preso, da qualche anno, un sentiero diverso, di
subalternità agli apparati del Pd. Nella vicenda
di Napoli, ad esempio, al primo turno. La stessa identica
posizione a Palermo. Non è un caso che Giovanna Marano
(candidata Sel alle ultime regionali siciliane; Ndr) stia
con noi".

Secondo uno degli ex Sel passati a Rc, il siciliano Saverio
Cipriano, "ci sono vari livelli di adesioni (da Sel a Rc;
Ndr): un pezzo di partito che già si è esposto; poi ci sono
tantissimi che voteranno Rivoluzione civile ma aspettano di
vedere quello che succede dopo le elezioni". (Public Policy)

GAV

 

© Riproduzione riservata