Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VERSO IL VOTO, SCONTRO MONTI-BERLUSCONI. LEADER PDL: "SE LUI FUORI MI UBRIACO"

18 febbraio 2013

Mario Monti al teatro Parenti, Milano

(Public Policy) - Roma, 18 feb - Silvio Berlusconi dice che
se Mario Monti rimarrà fuori dal Parlamento lui si
ubriacherà "e sarebbe la prima volta"; contemporaneamente
Mario Monti replica a distanza proprio al Cavaliere che
venerdì lo aveva definito un 'professorino che guarda
l'economia dal buco della serratura': "Di economica ne ho
praticata meno di lui - dice a Rai News 24 - perché non sono
imprenditore, ma ne ho vista enormemente più di lui anche
attraverso meccanismi della concorrenza che lui forse ama
meno".

Inizia l'ultima settimana prima delle elezioni e i toni
della campagna elettorale si fanno via via più aspri. Il
lunedì mattina si apre con uno scambio di battute a distanza
tra Berlusconi e Monti. A fare da sfondo alle polemiche di
giornata e a quelle che ritornano, è la nuova questione del
confronto tv: il Cavaliere ha già detto, e ripetuto
stamattina a Rtl 102.5, che non intende confrontarsi con
Monti ma solo con Pier Luigi Bersani "l'altro possibile
vincitore". Il Professore invece chiede da giorni un
confronto a tre e ieri, dalle telecamere del Tg2, ha
lanciato un appello pubblico agli altri due leader per
confrontarsi, tutti e tre insieme, in uno studio televisivo.
Ma, almeno al momento, la questione sembra bloccata.

E in mancanza di un confronto vis à vis, lo scontro si fa a
distanza. "Credo che sarebbe possibile per tutti noi parlare
e fantasticare un po' meno se ci fosse un'occasione di
confronto serrato davanti agli italiani. È qualcosa che
succede in tutti i Paesi a democrazia matura", dice Monti a
Rai News24. Berlusconi, in contemporanea su Rtl, manda a
dire che non ci pensa per niente e lancia invece il suo
attacco sui temi dell'Imu, Equitalia, tasse e rapporto
"imbruttito" tra fisco e cittadini.

"Il confronto tv con Monti?
- dice - Sempre accettato con chiunque, ma oggi si può fare
solo con i due probabili vincitori". Poi sostiene che "i
voti a Monti sono sprecati, perché andranno a Bersani", che
"Monti ha commesso errori incredibili" e che "è disperato
perché il suo centrino rischia di restare fuori dal
Parlamento". In quel caso, promette Berlusconi, "io mi
ubriaco. E sarebbe la prima volta nella mia vita". Quindi si
dice certo di vincere e domanda: "A chi affidereste 100mila
euro? A un imprenditore, a un mestierante della politica o
un burocrate europeo?".

Monti, dall'altra parte del cavo, inizia il suo intervento
a RaiNews con aria pacata: "Vorrei, in quest'ultima
settimana, non appuntare critiche a questo o quell'uomo
politico, tanto più che non riesco a snidarli in un
dibattito aperto e leale", dice. Poi però l'attacco arriva,
puntuale, proprio a Berlusconi, seppure velatamente: "Magari
ha ragione lui che sicuramente è particolarmente autorevole
nel mondo per giudicare la qualità di un economista", inizia
e poi accelera: "Noi crediamo nella divisione dei poteri e,
a differenza di altri, rispettiamo profondamente la
magistratura".

E quindi la stoccata bipartisan: "Usciamo da vent'anni di
promesse mancate e bisogna stare molto attenti a non bere
quelle stesse promesse che sono state fatte tante altre
volte", conclude Monti.(Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata