Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VIGILANZA RAI, BELTRANDI (RADICALI): DI TUTTO DI PIÙ, MA NULLA DI BUONO

30 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 30 gen - "Di tutto, di più, ma nulla
di buono, alla Vigilanza Rai, oggi. Così il deputato radicale
Marco Beltrandi (eletto nelle fila del Pd) commenta la
seduta di oggi della commissione di vigilanza.

"Anzitutto - dice in una nota - contesto formalmente, come
ho fatto in seduta, al presidente della commissione di aver
tenuto una riunione 'informale' ieri, della cui esistenza
neppure ero stato informato, durata ore, a cui invece alcuni
commissari hanno partecipato, audendo responsabili Rai sulle
difficoltà di applicazione del regolamento sulla par
condicio. È un fatto gravissimo [...] Con l'Idv, la Lega
Nord, ho poi votato contro alle modifiche introdotte nel
regolamento ulteriormente e incredibilmente in violazione
della legge 28/2000, modifiche presentate dal presidente
pare su indicazione diretta della Rai".

Modifiche, secondo Beltrandi, che "dimezzano i tempi della
conferenza stampa, rendono meno fruibile per la collocazione
in palinsesto le conferenze stampa, confezionano in spregio
della legge 28/2000 una super serata finale dedicata solo ed
unicamente alle tre coalizioni ritenute tali dal ministero
dell'Interno. In estrema sintesi: un pessimo regolamento è
stato peggiorato, ristretti gli spazi della campagna
elettorale Rai, soprattutto per i partiti non in coalizione
e accreditati di minori consensi elettorali, un ennesimo
regalo all'antipolitica di Beppe Grillo". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata