Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VISTI DA FUORI, FOREIGN AFFAIRS: NON SOLO GRILLO, IN EUROPA CRESCONO POPULISMI

12 marzo 2013

(Public Policy) - Roma, 12 mar - "Sarebbe poco saggio
dichiarare i risultati elettorali come un'altra anomalia
italiana. In tutta Europa, l'adesione ai partiti politici è
al suo livello più basso da dopo la seconda guerra mondiale.

Gli elettori sono anche meno fedeli che mai ai partiti
tradizionali - sono più propensi a votare un partito rivale
o uno completamente nuovo". Lo scrive Jonathan Hopkin sul
sito della rivista Usa Foreign Affairs.

"Solo pochi giorni dopo il trionfo di Grillo - si legge -
l'Uk Independence Party (Ukip; Ndr), che si batte perchè la
Gran Bretagna esca dall'Unione europea, ha preso 2 mila voti
in un'elezione straordinaria (ad Eastleigh; Ndr) per
sostituire un ministro liberal-democratico caduto in
disgrazia (Chris Huhne; Ndr), spingendo i conservatori al
potere al terzo posto. E il successo del Partito pirata in
Svezia, del partito anti-Islam guidato da Geert Wilders nei
Paesi Bassi, e dei più affermati partiti populisti, come il
Fronte nazionale francese, confermano che l'Italia è ben
lungi dall'essere un'anomalia". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata