Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VISTI DA FUORI, MUMELTER (DER STANDARD): AVVOCATI, HA RAGIONE CANCELLIERI

giustizia 08 luglio 2013

VISTI DA FUORI, MUMELTER (DER STANDARD): AVVOCATI, HA RAGIONE CANCELLIERI

(Public Policy) - Roma, 8 lug - "In Italia, secondo un dato
risalente all'agosto del 2012, ci sono 247mila avvocati. E
mentre nell'Unione europea ogni 10mila abitanti ci sono 127
avvocati, la media italiana è di 406, con punte di oltre 650
in Campania e Calabria. I risultati di queste cifre sono
concorrenza spietata, precarizzazione generalizzata e un
numero alto di praticanti sottopagati".

Lo scrive nel suo blog sul sito del settimanale
Internazionale Gerhard Mumelter, corrispondente da Roma del
quotidiano austriaco liberale Der Standard, commentando lo
sciopero proclamato dagli avvocati italiani in risposta alle
parole della Guardasigilli Annamaria Cancellieri che li
aveva definiti "una grande lobby" che frena le riforme.

"Ci sono molti avvocati - scrive Mumelter, che giudica lo
sciopero un atto 'irresponsabile' - che non condividono
questo sciopero che inizia oggi e bloccherà i tribunali già
intasati per otto giorni. In parecchie province anche per
dieci. Ma come in tutti gli ordini professionali, la
maggioranza si limita a pagare i contributi obbligatori,
lasciando il campo ai più ambiziosi e politicizzati.

Che con questa insensata iniziativa hanno confermato le accuse del
ministro di essere una lobby disposta a tutto per la difesa
dei propri interessi".

"L'ordine degli avvocati - continua il giornalista
austriaco - è da sempre la punta di diamante nella difesa
dell'ordinamento corporativo delle professioni. Con 130
rappresentanti in Parlamento, la casta forense esercita un
peso sproporzionato nelle decisioni politiche [...] Lo
sciopero degli avvocati non farà solo saltare udienze
importanti come quella contro il capitano Schettino, o la
sentenza sull'ex presidente della regione Abruzzo Ottaviano
Del Turco. Ma centinaia di altri processi. Appena prima
della pausa estiva". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata