Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VISTI DA FUORI, POLITICI TEDESCHI CONTRO LE AFFERMAZIONI DI STEINBRÜCK

steinbruck-merkel 28 febbraio 2013

steinbruck-merkel

(Public Policy) - Roma, 28 feb - Le parole di Peer
Steinbrück, candidato Cancelliere del partito
Socialdemocratico tedesco (Spd), che ha definito Berlusconi
e Grillo due clown, sono state criticate da alcuni politici
tedeschi. Ruprecht Polenz, segretario generale dell'Unione
cristiano democratica di Germania (Cdu), dice: "Ha fatto lo
spaccone come un capitano prussiano e non come qualcuno che
vuole diventare cancelliere della Germania. Non deve
superare certi limiti". Il vicepresidente della Cdu, Michael
Meister, rincara la dose: "Prima insulta gli svizzeri oggi
gli italiani. Ciò potrebbe danneggiare la reputazione della
Germania. È contradditorio e indecente".
"Steinbrück - continua - si sta comportando come un toro in
un negozio di cristalli".

Nel 2009 Steinbrück usò parole dure contro il segreto
bancario in Svizzera nel tentativo di combattere i paradisi
fiscali e minacciando di "usare la frusta".
Si aggiunge alle critiche anche Patrick Doering, segretario
generale del Partito liberale democratico (Fdp): "Non ha
problemi solo con Cipro e Svizzera, ora anche con l'Italia.
Chi fa passi falsi sulla scena internazionale non
può far altro che sbandare".

"Se questo è il filo conduttore della politica estera di
Steinbrück - aggiunge - beh, allora buona notte".
A difendere il candidato Cancelliere ci hanno pensato
esponenti del suo partito. Andrea Nahles, segretario
generale dell'Spd ha affermato: "Clown è il concetto più
tenero che personalmente mi viene in mente su Berlusconi".
Il vice capogruppo dell'Spd al Bundestag, Axel Schäfer ha
definito incomprensibile l'annullamento dell'incontro da
parte di Napolitano. "Ciò che ha fatto Berlusconi -
sottolinea - rappresenta la distruzione di ogni cultura
politica. Con la definizione di clown gli è andata anche
bene". (Public Policy)

DAP

Per altri commenti tedeschi, leggere anche I TEDESCHI CI PRENDONO GUSTO: "GRILLO, A SECOND BERLUSCONI?"

© Riproduzione riservata