Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

VISTI DA FUORI, REUTERS: RENZI È IL BENEFICIARIO NASCOSTO DELLE ELEZIONI

08 marzo 2013

renzi 2

(Public Policy) - Roma, 8 mar - "Il grande vincitore delle
elezioni in Italia è stato il leader populista Beppe Grillo,
ma il giovane sindaco di Firenze Matteo Renzi sta emergendo
come il beneficiario meno evidente di un voto di protesta
enorme che minaccia di distruggere il vecchio sistema
politico". Lo scrive Barry Moody in un articolo pubblicato
sul sito della Reuters (edizione Usa).

"Renzi - si legge - un telegenico, un 38enne dallo stile
americano, un politico che ha girato l'Italia in camper
prima che Grillo facesse lo stesso con sua campagna, è
l'opposto del leader incolore del centrosinistra Pier Luigi
Bersani, il grande sconfitto alle ultime elezioni".

Ora Renzi, secondo la Reuters, "aspetta il suo momento,
come Bersani combatte per la sopravvivenza, cercando
disperatamente di raggiungere un accordo con Grillo che gli
permetterà di formare un governo di minoranza" con il
sostegno del Movimento 5 stelle.

Renzi, scrive ancora Moody, sta giocando in maniera
"prudente, consapevole del fatto che se esce allo scoperto
troppo presto potrebbe far saltare anche le sue possibilità
di conquistare la direzione del partito e diventare il
leader del centrosinistra che potrebbe vincere le prossime
elezioni", cosa che "molti esperti pensano sia possibile
visto l'appeal che ha anche nei confronti degli elettori
conservatori".

Il grande vincitore Grillo vede "un'altra elezione come un
modo per completare la totale distruzione del vecchio ordine
politico e Renzi potrebbe essere - secondo l'agenzia -
l'unica possibilità per il centrosinistra di sopravvivenza.
Il sindaco di Firenze è popolare sia tra gli anziani che tra
gli elettori più giovani".

"Gran parte della sua piattaforma politica - ricorda Moody
- ha dei punti in comune con quella di Grillo, tra cui
l'eliminazione del finanziamento pubblico ai partiti
politici, l'abolizione dei privilegi dei parlamentari" e la
volonta di dare un'accelerata "all'innovazione tecnologica",
un campo in cui "l'Italia è in ritardo rispetto a molti
altri Paesi sviluppati".

Il sindaco di Firenze "mostra anche un'abilità maggiore ad
attaccare Grillo e i suoi neo-eletti a 5 stelle": 'Dobbiamo
parlare di cose serie, e invece siamo tutti a caccia
dell'uomo mascherato', conclude Moody citando le parole
rivolte a Grillo dallo stesso Renzi la scorsa settimana.
(Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata