Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Vitalizi, metodo contributivo o titoli di Stato? Le proposte per sostituirli

camera 25 settembre 2015

ROMA (Public Policy) - di Fabio Napoli - Dall'abolizione del vitalizio per una sua sostituzione con un sistema di tipo contributivo a un limite di importo massimo superato il quale la retribuzione dovrà avvenire in titoli di Stato: sono tante le soluzioni proposte dalle proposte di legge - sette - in tema di vitalizi parlamentari e regionali, che oggi inizieranno ad essere esaminare dalla commissione Affari costituzionali alla Camera.

Due le proposte che intervengono direttamente sulla Costituzione, entrambe di Scelta civica. Una, a prima firma del sottosegretario al Mef Enrico Zanetti, propone - sia per i Parlamentari che per i consiglieri regionali - che il vitalizio sia concesso a patto che la carica sia stata ricoperta "per almeno dieci anni consecutivi, ovvero per quindici anni non consecutivi".

In ogni caso "il vitalizio non può essere corrisposto prima che il beneficiario abbia raggiunto l'età prevista per la corresponsione della pensione di vecchiaia dalla normativa di volta in volta vigente per la generalità dei cittadini", si legge nella proposta di legge. Limite massimo pari a quello fissato di volta in volta dalla legislazione vigente per il presidente della Repubblica.

continua - in abbonamento

@ShareTheRoad

© Riproduzione riservata