Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Il whistleblowing visto dai 5 stelle, alla Camera

whistleblower 11 maggio 2015

ROMA (Public Policy) - Le commissione Giustizia e Lavoro alla Camera si preparano ad esaminare la proposta di legge del Movimento 5 stelle (a prima firma Francesca Businarolo) per la protezione degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità nell'interesse pubblico, il cosiddetto whistleblowing.

La proposta è stata calendarizzata nelle due commissioni e la prima seduta si svolgerà il 19 maggio. Il 'whistleblower' (che deriva dalla frase "to blow the whistle", letteralmente "soffiare il fischietto") è colui che denuncia un illecito nell'interesse pubblico, nulla a che vedere con delatori o pentiti.

La proposta di legge 5 stelle prende spunto dalle raccomandazioni e dalle linee guida per la tutela e la promozione del whistleblowing pubblicate dall'ong Transparency international Italia. Tra le norme contenute nella pdl i premi ai whistleblower, nel caso di condanna definitiva dei segnalati da parte della Corte dei conti.

COSA PREVEDE LA PDL
Nel dettaglio, la proposta M5s definisce cosa si intende per "segnalazioni" (sono quelle riferite "a reati o irregolarità nell'interesse pubblico, avvenuti o presunti, all'ente pubblico o privato del quale è dipendente, che può agire efficacemente per rimuoverne le cause") e autori (cioè "il lavoratore che effettua la segnalazione all'autorità di regolamentazione del settore interessato ovvero all'autorità di polizia o giudiziaria").

La proposta di legge si applica a coloro che sono a rischio di ritorsione da parte delle persone segnalate (inclusi i dipendenti e ed ex pubblici o privati, i consulenti, gli stagisti e i volontari). Tra i requisiti della denuncia quello della "buona fede".

PROTEZIONE DELL'IDENTITÀ
L'identità dell'autore non può essere rivelata senza il suo consenso. Le segnalazioni possono essere effettuate in forma anonima; in tale caso, tenuto conto dell'impossibilità di approfondire le segnalazioni, in quanto anonime, queste sono prese in esame solo qualora siano adeguatamente documentate.

PREMI AI 'WHISTLEBLOWER'
All'autore di una segnalazione di reati o irregolarità che comportano un danno erariale e all'immagine della pubblica amministrazione è attribuita una somma di denaro, a titolo di premio, di importo compreso tra il 15 e il 30% della somma recuperata a seguito della condanna definitiva della Corte dei conti, fermo restando che la somma di denaro spettante a titolo di premio non può essere superiore a 2 milioni di euro. (Public Policy) SOR

© Riproduzione riservata