poltrone senato

Lo Spillo – Le lobby, il Far West e la caccia alle streghe

0
La rappresentanza di interessi è sempre esistita e sempre esisterà. In tutto il mondo, da Washington a Bruxelles, è accettata, istituzionalizzata e regolamentata. L’Italia è uno dei pochissimi Paesi che ha finora lasciato tutto nella più totale indeterminatezza nonostante le decine di proposte in materia, aprendo da una parte alle peggiori nefandezze, dall’altra alla criminalizzazione di attività lecite ovunque

Lo Spillo

0
No, no e poi ancora no. Tra le ragioni del declino italiano, si può individuare un diffuso un trasversale movimento del "no a tutto" che in ogni occasione reitera le proprie opposizioni piene di pregiudizi a qualunque progetto di sviluppo. Ma la sindrome Nimby non riguarda solo il Tav, o altre infrastrutture. Rassegna di 'No' meno conosciuti: da quelli a 5 stelle contro gli elicotteri per l'Expo ai niet radical chic dei professori della Ca' Foscari

Lo Spillo

0
Gli altri si muovono, noi stiamo fermi. Al massimo litighiamo. Mentre la Croazia ha appena ufficializzato l'asta per le trivellazioni nell'Adriatico per la ricerca e l'estrazione dei potenziali 3 miliardi di barili di idrocarburi che vi sono, mentre Francia, Spagna e Malta stanno per muoversi nel resto del Mediterraneo, l'Italia ancora non ha idea di come agire, nonostante la geografia la ponga proprio al centro del "Mare Nostrum". E questo non per una motivata tutela ambientale, ma per totale assenza di programmazione strategica.

Lo Spillo

0
Ma l'articolo 18 è defunto o solo svenuto? La domanda se la pone, e la gira a tutti noi che abbiamo salutato il Jobs act come il superamento anche di quel vecchio tabù, Michele Tiraboschi, giuslavorista tra i più esperti e di solito privo di inutili approcci ideologici. Lo spunto lo offre un accordo aziendale tra la Novartis e il sindacato siglato nei giorni scorsi, all'apparenza riguardante soltanto quell'istituto regolato dall'articolo 1406 del Codice civile che va sotto il nome di "cessione del contratto"
teatro

Lo Spillo

0
Se anche i problemi più grandi - tra cui la separazione delle competenze di tutela del patrimonio culturale, in capo allo Stato, e quelle di promozione valorizzazione, in capo alle Regioni in concorrenza con lo Stato, o l'esistenza di 20 Regioni che promuovono l'Italia in altrettanti modi diversi di fronte ad un cinese - restano sul campo, il decreto cultura può lanciare una piccola rivoluzione
tasse

Lo Spillo

0
Non è (ancora) troppo tardi. È possibile che in sede di conversione in legge del ddl Stabilità siano limati i prelievi fiscali sui fondi pensione (l'attuale incremento dall'11,5 al 20% dovrebbe fermarsi al 15-17%) e venga cancellato l'aumento delle aliquote sugli investimenti delle casse di previdenza private (dal 20 al 26%). Bene, se così fosse. Innanzitutto perché questi aumenti non vanno a colpire "rendite finanziarie" o guadagni speculativi, ma accantonamenti realizzati dalle famiglie attraverso rinunce sui consumi presenti e redditi già (pesantemente) tassati in precedenza

Lo Spillo

0
Secondo l'Autorità per l'energia tra il 2008 e il 2012 la Robin Tax ha fruttato 4,9 miliardi. Poiché la sentenza della Consulta non è retroattiva, adesso si pone un problema di bilancio per il futuro. In realtà, visto il calo del prezzo del petrolio, gli incassi nei prossimi anni sarebbero stati minori. Per via XX Settembre la strada per rispettare i vincoli di bilancio, adesso, è una sola. Tagliare le spese. Bene, bando ai facili populismi e diamo attuazione, per una volta, a promesse e annunci
grillo

Lo Spillo

0
L'opposizione dei deputati del Movimento 5 stelle durante l'esame in commissione alla Camera del decreto Sblocca Italia ha del surreale. A causa del loro sterile ostruzionismo - che incredibilmente dicono "di non aver fatto" - dalle 10 del mattino all'1,30 di lunedì notte sono stati approvati solo 3 emendamenti, mentre ieri non ne veniva esaminato nessuno. Uno stallo improduttivo proprio mentre il governo presentava una norma per Genova
industria

Lo Spillo

0
Incredibile, ci sono incentivi che funzionano. La "Sabatini bis", che prevede finanziamenti agevolati nel settore dei macchinari industriali, sta sostenendo il rilancio della produzione delle macchine utensili, della robotica e dell'automazione. Un comparto cruciale in cui siamo tra i primi al mondo, che vende per il 75% all'estero e che, soprattutto, è un fedele indicatore dello stato di salute generale dell'industria. Bene. Ma non appena si allarga lo sguardo, si capisce che queste condizioni positive andrebbero ulteriormente sfruttate
banda larga

Banda larga, se le buone intenzioni danneggiano il mercato

0
Il piano di switch-off della rete di rame allo studio del governo appare come una via tortuosa per un fine semplice: rinazionalizzare il principale operatore di TLC, proprio quando esso è diventato una società ad azionariato diffuso (55% in mano ai fondi). Si potrebbe pensare che ciò sia un bene? A 20 anni dalla privatizzazione, è tangibile l’effetto proconcorrenziale di quella operazione, che comunque valse, se volessimo pensare al solo interesse dello Stato, 12 miliardi di euro

Opinioni

Covid-19 e la malattia dell’irresponsabilità dello Stato

0
di Leopoldo Papi ROMA (Public Policy) - A 40 giorni dalla prima rilevazione del Coronavirus a Codogno, vi sono abbastanza elementi per alcune considerazioni sulla...