In attesa del Parlamento, pezzi di dl Dignità: il fondo per lo sport

0
calcio

ROMA (Public Policy) – Arriva un fondo da destinare a interventi in favore delle società sportive dilettantistiche con scopo di lucro, ma allo stesso tempo vengono eliminate le agevolazioni previste per le stesse società. Il taglio delle agevolazioni serve a liberare risorse da immettere nel nuovo fondo. Lo prevede una nuova bozza di decreto Dignità, di cui Public Policy ha preso visione.

Il fondo, si legge nel decreto, avrà una una dotazione di 6,9 milioni di euro nel 2018, di 11,5 milioni di euro nell’anno 2019, di 9,8 milioni di euro nell’anno 2020, di 10,2 milioni di euro nell’anno 2021, di 10,3 milioni di euro nell’anno 2022 e di 5,6 milioni di euro a decorrere dal 2023. Per un totale, appunto, di 54,3 milioni di euro. Queste risorse verranno recuperate sopprimendo tre articoli della legge di Bilancio 2018. E di conseguenza sparirà l’agevolazione Ires – era previsto un taglio del 50% dell’imposta – così come l’aliquota Iva ridotta al 10% per coloro che praticano sport in impianti gestiti da società dilettantistiche lucrative.

Infine, viene meno l’iscrizione al fondo Inps per i co.co.co che lavorano con le società.

continua – in abbonamento

SOR