Promesse da Recovery Plan: via i sussidi dannosi per l’ambiente

0

ROMA (Public Policy) – Nell’ambito della riforma del fisco, che il Governo intende presentare con legge delega entro il 2020 e attuare entro il 2021, oltre alla riduzione del cuneo fiscale strutturale con la riforma dell’Irpef in chiave progressiva e il sostegno alle famiglie con il family act, ci sarà anche la “revisione dei sussidi, con particolare attenzione a quelli dannosi per l’ambiente” (i cosiddetti Sad, Sussidi ambientali dannosi).

Lo scrive l’Esecutivo nella bozza delle Linee guida per la definizione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, il Recovery plan italiano, discusso al Ciae (Comitato interministeriale per gli Affari europei) e di cui Public Policy ha preso visione.

La riforma, si legge, prevederà anche la “semplificazione degli adempimenti per i contribuenti e per le imprese, il contrasto all’evasione fiscale, promuovendo l’uso dei pagamenti digitali e migliorando le risorse delle agenzie fiscali e delle autorità di controllo; e il pieno utilizzo e interoperabilità delle banche dati nel rispetto della privacy”. (Public Policy)