L’Ispra chiede lo stop del dm per gli incentivi al biogas

0
biogas-biometano

di Francesco Ciaraffo

ROMA (Public Policy) – L’Ispra ha chiesto al ministero dell’Ambiente di sospendere l’iter di approvazione del decreto sulle condizioni di accesso all’incremento dell’incentivazione per la produzione di energia elettrica da impianti alimentati a biomasse e biogas.

La richiesta – come si legge in una lettera inviata dall’Ispra al ministero guidato da Gian Luca Galletti e trasmessa anche al Senato – è motivata dalla necessità di approfondire i compiti affidati al Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente (Snpa).

Secondo Ispra, infatti, il percorso finora seguito per l’approvazione del dm “non è stato coerente” con il dettato normativo che prevede un parere vincolante da parte del Snpa, mai richiesto. Questa “occasione”, per Ispra, è “ottima” per “definire attraverso un esempio concreto come deve porsi pro futuro la questione di tali iter approvativi” e per “dirimere alcuni aspetti di merito” del provvedimento, che “pongono difficoltà applicative non marginali”.

Proprio su quest’ultimo aspetto, Ispra sottolinea che il dm prevede un controllo annuale o di frequenza maggiore da parte delle Province sul funzionamento dei sistemi di monitoraggio dei camini degli impianti a biomasse o biogas.

L’intensità dei controlli richiesta alle Agenzie ambientali non trova paragone in nessun altra tipologia di impianto emissivo e l’impegno necessario per lo svolgimento dei controlli da parte di Arpa/Appa può, in molte realtà regionali, compromettere gravemente la possibilità di svolgere adeguatamente controlli su altri tipologie di impianti, compresi quelli assoggettato ad Aia“, si legge nella lettera.

continua –in abbonamento

@fraciaraffo