Brexit, siamo ai saluti: addio ai seggi Uk

0
brexit

BRUXELLES (Policy Europe / Public Policy) – Dopo il recesso del Regno Unito dall’Unione europea, dalla mezzanotte del 31 gennaio, è in programma in settimana una cerimonia di saluto al Parlamento europeo con il presidente David Sassoli e i deputati britannici, che rimangono nei loro poteri fino al 31 gennaio.

Una volta avviata la Brexit, spiegano fonti parlamentari, per gli eurodeputati Uk si applicherà la stessa procedura prevista per i casi di fine mandato, e verrà lasciato qualche giorno per liberare gli uffici. Le bandiere del Regno Unito verranno poi rimosse dalle sedi istituzionali e acquisite dal servizio protocollo. Dopo la Brexit, la composizione del Pe è destinata a cambiare: dei 73 seggi britannici, 27 saranno ridistribuiti ad altri Paesi membri, e 46 saranno tenuti “in riserva” in vista di possibili futuri allargamenti ad altri Stati. Il Parlamento europeo ha approvato il 15 gennaio la proposta di decisione della conferenza dei presidenti che interviene sulla composizione numerica delle commissioni permanenti dello stesso Europarlamento alla luce proprio della riduzione del numero di parlamentari dettata dalla Brexit.

Mercoledì dalle 18 è previsto il voto sulla conclusione dell’accordo di recesso da parte dell’aula a Bruxelles, dopo che la scorsa settimana la commissione Affari costituzionali ha dato il suo via libera alla raccomandazione che propone un parere favorevole. Venerdì la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, e il presidente  del Consiglio europeo, Charles Michel, hanno firmato l’accordo, mentre si attende per il 30 la deliberazione del Consiglio, con procedura scritta da parte dei rappresentanti diplomatici, per l’approvazione definitiva. (Policy Europe / Public Policy) GIL