Dalle navi alle manifestazioni: tutte le norme del Sicurezza bis

0
sicurezza

ROMA (Public Policy) – Fino a un milione di euro di multe per le navi che violano il divieto di ingresso nel mare territoriale e nei porti, confisca immediata dell’imbarcazione e arresto in flagranza per il capitano. Nuove norme stringenti per coloro che utilizzano caschi durante le manifestazioni pubbliche o sportive, potenziamento delle operazioni sotto copertura della polizia e nuove regole per gli affitti brevi in alberghi, case vacanze e bed and breakfast. Sono queste le principali novità che introduce il dl Sicurezza bis, approvato dall’aula della Camera in prima lettura con voto di fiducia. Il testo ora passa al vaglio di Palazzo Madama.

Vediamo nel dettaglio tutti i contenuti.

POTERI A VIMINALE PER INGRESSO NAVI
Sarà il ministro dell’Interno, di concerto con il ministro della Difesa e con il ministro dei Trasporti e informato il presidente del Consiglio, a “limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale per motivi di ordine e sicurezza pubblica e quando si concretizzino le condizioni di cui all’articolo 19 della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del Mare di Montego Bay limitatamente alle violazioni delle leggi di immigrazione vigenti”. La norma si applica alle imbarcazioni private, come quelle delle ong, ma non alle imbarcazioni della Guardia di Finanza o le navi in servizio governativo non commerciale.

MULTE ALTISSIME A CHI NON RISPETTA STOP IN MARE
Con il passaggio alla Camera sono state aumentare le sanzioni previste dal dl per chi viola i limiti di accesso ai porti e al mare territoriale. Queste partiranno da 150 mila euro fino ad arrivare a un milione di euro. Inoltre, per il comandante della nave che viola il divieto scatterà l’arresto in flagranza e la nave verrà immediatamente confiscata.

NUOVE REGOLE AFFITTI DI 24 ORE
Oltre alle norme che riguardano i soccorsi in mare dei migranti, il decreto Salvini introduce una norma per gli affitti brevi. Nel dettaglio, per i soggiorni che non superano le ventiquattro ore gli albergatori o i proprietari dei bnb devono inviare la comunicazione con passaporti e carte d’identità entro sei ore dall’arrivo. Prima dell’entrata in vigore della norma il ministero dell’Interno dovrà scrivere un decreto che integri le modalità di comunicazione telematica alle questure.

OPERAZIONI SOTTO COPERTURA
Un altro articolo del dl destina risorse per potenziare le operazioni di polizia sotto copertura, effettuate da operatori di Stati esteri con i quali siano stati stipulati appositi accordi, in particolare per il contrastare il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Per queste operazioni il dl stanzia 500mila euro per il 2019, un milione per il 2020 e 1,5 milioni per il 2021.

STRETTA MANIFESTANTI
Arriva poi un inasprimento delle pene per chi durante le manifestazioni – comprese quelle sportive – utilizza caschi protettivi o qualunque altro modo per coprirsi il viso e rendersi irriconoscibile. Così la pena prevede il carcere da uno a due anni e la sanzione da mille a 2mila euro.

Le pene diventano più dure anche per chi durante le manifestazioni lancia o utilizza illegittimamente, in modo da creare un concreto pericolo per l’incolumità delle persone, razzi, bengala, fuochi artificiali, petardi, strumenti per l’emissione di fumo o di gas visibile o in grado di nebulizzare gas contenenti principi attivi urticanti, ovvero bastoni, mazze, oggetti contundenti o, comunque, atti a offendere.

Il decreto prevede che chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui in occasione di manifestazioni che si svolgono in luogo pubblico o aperto al pubblico è punito con la reclusione da uno a cinque anni.

continua – in abbonamento

SOR