Decreto Rinnovabili, il Mise rivede gli incentivi al mini-idro

0
mini idro rinnovabili

ROMA (Public Policy) – Fino a 150euro/MWh per il mini eolico e 155euro/MWh per il mini-idro. È a quanto si attesterebbe, apprende Public Policy, il valore dell’incentivo alle due fonti stabilito dal dm Rinnovabili. Il testo, dopo una consultazione tra gli operatori, è stato rivisto dal Mise che lo ha poi inviato al ministero dell’Ambiente per la condivisione dei cambiamenti stessi.

Rispetto alla versione originale del testo, quindi, il mini-eolico vedrebbe un aumento del sostegno del 7% (erano 140euro/MWh), mentre per il mini-idro del 10,7% (erano sempre 140euro/MWh). Proprio quest’ultima fonte è stata al centro di una polemica all’interno della maggioranza. Ancora giovedì scorso Paolo Arrigoni, componente della commissione Ambiente al Senato e coordinatore del dipartimento Energia della Lega, aveva chiesto di rivedere il dm sul punto.

Ma la revisione della tariffa incentivante, non è l’unica novità sull’idroelettrico. I contingenti di potenza incentivabili tramite i registri infatti è stata vista al rialzo (da 70 a 80 MW), ma è stata tagliata quella tramite asta (da 140 MW a 110 MW).

continua –in abbonamento

FRA