I 23 articoli della legge di delegazione europea: dai rifiuti all’energia

0
ue

ROMA (Public Policy) – Sono 23 gli articoli che compongono la legge di delegazione europea 2018. In base a una bozza del testo, presa in visione da Public Policy, lo schema del provvedimento ricalca quello già anticipato nelle scorse settimane.

Nello specifico la bozza contiene deleghe per attuare diverse direttive: lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale; cooperazione rafforzata sull’istituzione della Procura europea ‘Eppo’; istituzione di una procedura per l’ordinanza europea di sequestro conservativo su conti bancari al fine di facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti in materia civile e commerciale; incoraggiamento dell’impegno a lungo termine degli azionisti.

E ancora: meccanismi di risoluzione delle controversie in materia fiscale nell’Unione europea; prospetto da pubblicare per l’offerta pubblica o l’ammissione alla negoziazione di titoli in un mercato regolamentato; fondi comuni monetari; sementi, di materiali di moltiplicazione delle piante da frutto e delle ortive e dei materiali di moltiplicazione della vite; misure di protezione contro gli organismi nocivi per le piante e garanzia dell’applicazione della legislazione sugli alimenti e sui mangimi.

Poi: riduzione delle emissioni e trasporto aereo; veicoli fuori uso e pile e accumulatori e relativi rifiuti; discariche di rifiuti; imballaggi e rifiuti di imballaggio; norme di sicurezza per le navi da passeggeri; registrazione delle persone a bordo delle navi da passeggeri che effettuano viaggi da e verso i porti degli Stati membri; sistema di ispezioni per l’esercizio in condizioni di sicurezza di navi ro-ro da passeggeri e di unità veloci da passeggeri adibite a servizi di linea; norme di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti.

Infine: obblighi in materia di dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento per gli importatori dell’Unione di stagno, tantalio e tungsteno, dei loro minerali, e di oro, originari di zone di conflitto o ad alto rischio; sulla prestazione energetica nell’edilizia e sull’efficienza energetica; sicurezza dell’approvvigionamento di gas. (Public Policy) FRA