La bozza (a firma 5 stelle) del parere sul dlgs Assicurazioni

0
assicurazioni

ROMA (Public Policy) – Eliminare dal dlgs Assicurazioni la norma che prevede il versamento dei premi direttamente sul conto corrente dell’impresa e quella che impedirebbe agli intermediari autonome iniziative pubblicitarie riguardanti i prodotti assicurativi offerti.

Ma prevedere invece l’obbligo, per tutti gli intermediari, “di documentare in modo permanente, con fideiussione bancaria, una capacità finanziaria pari almeno al 4% dei premi incassati, con un minimo di 18.750 euro, prevedendo, altresì, che tale documentazione sia resa disponibile al cliente, secondo modalità individuate da un regolamento dell’Ivass”.

Questa una delle 21 osservazioni avanzate dal relatore del dlgs Assicurazioni al Senato, Daniele Pesco (M5s), in una bozza di parere (che di fatto riscrive in larga parte il decreto) inviata ai componenti della commissione speciale di Palazzo Madama in vista, la prossima settimana, della votazione del parere.

Il relatore, nella bozza inviata ai gruppi, non ha indicato se il parere sarà favorevole o contrario, mentre il Pd, viene spiegato, durante la riunione della commissione speciale di giovedì mattina ha chiesto che la discussione sul testo sia più approfondita e venga quindi rinviata di qualche giorno la votazione sul parere (che dovrebbe arrivare come alla Camera per il 9 maggio).

continua – in abbonamento

VIC