Cosa c’entrano le audizioni sul Def con la formazione del Governo

0
tempo

di Viola Contursi

ROMA (Public Policy) – Fare audizioni lunghe sul Def, sentendo anche le parti sociali, Confindustria, le imprese, per prendere tempo e intanto sperare di avere l’incarico per fare un nuovo Governo. E dunque prendere in mano la situazione e integrare di proprio pugno il Def con il quadro programmatico. Questa, secondo fonti parlamentari, la “tattica” messa in campo in queste ore da Forza Italia (e Lega).

Secondo quanto viene riferito, infatti, durante l’Ufficio di presidenza della commissione speciale della Camera, Forza Italia avrebbe proposto molte più audizioni di quelle immaginate sul Def.

Per alcuni parlamentari, non del centrodestra, questa sarebbe una mossa, appunto, per prendere tempo, rinviare di un paio di settimane l’esame in Parlamento del Documento di economia e finanza firmato da Padoan, incassare la prossima settimana un mandato dal Colle, formare un Governo (magari con l’appoggio di quel Pd che è contrario a un accordo con i 5 stelle) e dunque scrivere di proprio pugno la parte programmatica del Def, in questo momento mancante.

continua – in abbonamento

@VioC