Fanghi in agricoltura, cosa cambia dopo il passaggio nelle commissioni

0
agricoltura fanghi

ROMA (Public Policy) – Ok all’introduzione di altre 7 sostanze inquinanti tra quelle per le quali è previsto un limite soglia nei fanghi da depurazione utilizzati in agricoltura. Lo ha previsto l’emendamento al dl Urgenze, riguardante anche Genova, presentato dai relatori Gianluca Rospi (M5s) e Flavio Di Muro (Lega), e approvato nelle commissioni Ambiente e Trasporti della Camera durante la seduta notturna di lunedì. Le commissioni hanno concluso l’esame degli emendamenti e nella seduta martedì pomeriggio hanno votato il mandato ai relatori.

Nel dettaglio, l’emendamento interviene sull’articolo 41 del provvedimento che introduceva già il limite di 1.000 mg/kg tal quale per gli idrocarburi (C10-C40) nei fanghi da depurazione utilizzati in agricoltura. Il limite, che non viene modificato, puntava a superare la situazione di stallo in Lombardia dopo la sentenza del Tar del 20 luglio scorso, che ha dato ragione al ricorso avanzato da 51 sindaci contro la legge regionale che innalzava i valori soglia di idrocarbuti presenti nei fanghi da depurazione. Dopo la sentenza le aziende che trattano i fanghi hanno cominciato a non accogliere più il materiale dai depuratori, bloccando circa 3mila tonnellate di fanghi a settimana, provocando così una vera emergenza in Lombardia.

L’emendamento supera la sentenza del Tar introducendo altri 7 valori soglia:  idrocarburi policiclici aromatici (IPA) dovranno essere contenuti nel limite di 6 mg/kg SS, i policlorodibenzodiossine e policlorodibenzofurano (PCDD/PCDF + PCB DL) nel limite di 25 ng WHO-TEQ/Ks SS, i policlorobifenili (PCB) entro i 0,8 mg/kg SS, il Toluene entro i 100 mg/kg ss, il Selenio entro i 10 mg/kg ss, il Berillio entro i 2 mg/kg ss. Per quanto riguarda i policlorodibenzodiossine e policlorodibenzofurano più PCB DL “viene richiesto il controllo analitico almeno una volta l’anno”.

Un sub emendamento di Leu approvato, a prima firma Rossella Muroni, ha introdotto anche l’Arsenico (20 mg/kg SS), il Cromo totale (200 mg/kg SS) ed il Cromo VI (2 mg/kg SS) tra gli inquinanti vietati. Un sub emendamento Pd, a prima firma Chiara Braga, ha invece specificato che per gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) il limite di 6 mg/kg SS riguarderà la sommatoria degli Ipa elencati nell’allegato 5 della parte IV del codice dell’ambiente. (Public Policy) NAF