Tre milioni (nel Concretezza) per risolvere il pasticcio buoni pasto

0
buoni pasto ticket

ROMA (Public Policy) – Per risolvere il “pasticcio” dei buoni pasto Qui! Ticket il Governo punta a stanziare 3 milioni di euro nel 2019, istituendo un apposito fondo al ministero dell’Economia. È quanto si legge nell’ultima bozza di ddl Concretezza, di cui Public Policy ha preso visione, esaminato martedì mattina nel pre-Cdm a Palazzo Chigi.

“L’utilizzo del fondo è disposto – precisa il ddl – previa ricognizione dei fabbisogni, con uno o più decreti del presidente del Consiglio, su proposta del ministro per la Pubblica amministrazione, di concerto con il Mef, in relazione alle esigenze presentate”.

Le risorse serviranno alle P.a. per coprire le eventuali perdite derivanti dal ritiro e la sostituzione dei vecchi buoni pasto (oggi inutilizzabili) ancora in possesso dei dipendenti statali.

COSA DICE IL DDL

L’articolo 5 del ddl a firma Giulia Bongiorno cerca di fare chiarezza su un nodo nato a seguito della sospensione di un contratto di fornitura di Consip relativo ai buoni pasto dei dipendenti pubblici. La società Qui! Group, vincitrice dell’appalto per il Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Lombardia e Lazio per l’erogazione dei ticket, si è vista infatti revocare da Consip (il committente) il contratto per “gravi inadempienze”.

continua – in abbonamento

SOR